Granbassi, un addio doloroso

Margherita Granbassi ha annunciato il suo ritiro. Una scelta che fa male. Non solo a lei.

 

Quattordici secondi. Sono pochi, eppure possono segnare il confine tra una grande gioia e il dolore più profondo, tra un sorriso e le lacrime. Quattordici secondi sono quelli che mancavano a Margherita Granbassi per chiudere il suo assalto contro Katalin Varga e qualificarsi per il tabellone principale del Trofeo Inalpi di Torino. Poi il ginocchio, il solito maledetto ginocchio sinistro, ha ceduto, e quella che doveva essere la prima gara di Coppa del Mondo dopo tre anni è coincisa con l’ultima in assoluto.

Margherita si è ritirata. L’ha annunciato il 24 marzo, ma la decisione era nell’aria da venerdì 21. Il giorno prima l’avevo sentita al telefono, mentre era sul treno diretta a Torino. Era la prima volta che la intervistavo, per lei sarebbe stata una delle ultime interviste da atleta. Nella voce aveva l’entusiasmo e la gioia di una bambina alla sua prima gara. A 34 anni ancora la voglia di emozionarsi ed emozionare in pedana. Appena ho saputo dell’infortunio mi è venuta in mente una delle risposte che mi aveva dato: «L’idea del ritiro procura un po’ di malinconia, ma affronterò quel momento con estrema serenità, dovesse essere domani, tra un mese o tra un anno».

Il destino ha voluto che fosse «domani», e quella frase, riletta ora, suona come una triste profezia. In quei 20 minuti di chiacchierata, più di una volta, aveva introdotto le sue frasi ridendo. Perché Margherita Granbassi è solare, disponibile, simpatica. Anche per questo la gente la amava e ha fatto il tifo per lei quando poco meno di un anno fa si era rimessa divisa e giubbetto elettrico per qualificarsi ai campionati italiani e andare a tirare nella sua Trieste. Non è solo l’ammirazione per una campionessa del mondo, per il personaggio mediatico che ha confermato di essere nelle sue esperienze da giornalista televisiva. Ci sono persone che, senza alcuno sforzo e in modo del tutto naturale, producono empatia. Margherita Granbassi è una di quelle.

Per questo l’annuncio del ritiro provoca dispiacere e fa male, pur essendo forse l’unica scelta possibile. «Per quanto la scherma sia importantissima per me, nella mia vita c’è anche altro. E non voglio compromettere la mia salute per tornare a tutti i costi su una pedana». Anche questo mi aveva detto in quell’intervista, alla vigilia dell’ultimo infortunio. E così, coerentemente, ha scelto di dire basta. La scherma le mancherà, e lei mancherà alla scherma, ma nella vita c’è anche altro.

 

Twitter: GabrieleLippi1

Pianeta Scherma su Twitter

Pianeta Scherma su Facebook

Margherita Granbassi su Twitter

Margherita Granbassi su Facebook

Fotografia di Augusto Bizzi per Federscherma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.