Parigi val bene un Monal

Dal 2 maggio, la capitale francese ospita una delle gare più attese. Un’idea per un weekend speciale.

Magia, romanticismo, monumentalità. Parigi è questo, in tutto ciò che la riguarda. E anche quando si parla di scherma, di spada maschile in particolare, non si può fare a meno di pensare al Monal, uno dei trofei più prestigiosi e antichi del circuito internazionale, una delle tappe più attese della stagione di Coppa del Mondo (clicca qui per il sito della manifestazione).
Dal 2 al 4 maggio, lo stadio intitolato a Pierre de Coubertin, al numero 82 di avenue Georges Lafont, ospiterà i migliori specialisti dell’arma. Una straordinaria occasione per vedere dell’ottima scherma e godersi un weekend nella città più affascinante d’Europa (prenota il tuo albergo su Booking.com).

Sulla sponda sinistra della Senna, come su quella destra, Parigi è magnifica. Avvolta in un’atmosfera da grandeur che non sembra mai finita, interpretata perfettamente dalla maestosità degli Champs-Élysées e dell’Arco di Trionfo, dall’imponenza della Torre Eiffel, dal richiamo artistico del teatro dell’Opera e dalla leggenda e dagli echi gotici lasciati da leggende di fantasmi e riflessi nei gargoyles della cattedrale di Notre Dame. Parigi è storia, cultura, crocevia di intelletti straordinari provenienti da tutto il mondo. Ha ospitato scrittori, poeti, pittori, musicisti, scienziati e registi, adottandone più di uno. Da Chopin a Picasso, da Hemingway a Polansky, il meglio dell’intelligenza mondiale ha partorito qualche idea geniale sulle sponde della Senna.

Un lato intellettuale perfettamente espresso, ancora oggi, dal quartiere di Montmartre, crocevia della vita bohémien, capace di unire sacro e profano, dall’alto verso il basso, con la basilica del Sacro Cuore a dominarla e la zona a luci rosse di Pigalle ai suoi piedi. E se qui l’eco del passato e di un erotismo d’antan è rappresentato perfettamente dall’inconfondibile sagoma del Moulin Rouge, avvicinandosi alla riva del fiume si possono trovare le più grandi opere d’arte mai concepite da essere umano. Il Louvre da una parte, il Museo d’Orsay dall’altra, custodiscono i tesori dell’umanità, mettendo a confronto il periodo classico, rinascimentale e illuminista con quello impressionista e moderno. Ma forse l’opera d’arte più bella è Parigi.

Prenota il tuo albergo a Parigi su Booking.com

Pianeta Scherma su Twitter

Pianeta Scherma su Facebook
jizzrain.com/vd/2353-video

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.