Parola di Ct

Le dichiarazioni di Cipressa, Cuomo e Sirovich al sito della Federazione Italiana Scherma.

 

Il tempo delle attese è agli sgoccioli. Da domani si inizia con le fasi di qualificazione – in cui saranno impegnati Bianca Del Carretto, Francesca Quondamcarlo, Ilaria Bianco, Lucrezia Sinigaglia, Giorgio Avola, Lorenzo Bruttini, Marco Fichera e Paolo Pizzo – mentre da venerdì si fa davvero sul serio con le prime medaglie, quelle di sciabola femminile e maschile. L’ultimo giorno di quiete prima delle tempesta diventa quindi occasione, per i tre commissari tecnici, di esprimere le loro sensazioni della vigilia attraverso le pagine del sito web di Federscherma. Ecco cosa han detto Andrea Cipressa (responsabile del fioretto), Sandro Cuomo (ct della spada) e Giovanni Sirovich (ct della sciabola).

Andrea Cipressa – Arriviamo a quest’importantissimo appuntamento con la consapevolezza d’aver svolto un lavoro proficuo e di essere quindi nella migliore condizione per affrontare la competizione iridata. Tutto il gruppo è pronto, intendendo con questo non solo gli atleti ma l’intero staff. Sono convinto infatti che le prestazioni siano il frutto di un lavoro sinergico e coordinato. Alla luce di tutto ciò, ci approcciamo ai Campionati del Mondo in terra russa, con la dovuta attenzione e concentrazione, ma anche con la serenità che nasce dalla convinzione d’aver lavorato bene e di poter contare su un gruppo che si è posto degli obiettivi e lavora, insieme, per raggiungerli.

Sandro Cuomo – I Campionati Europei ed i risultati che sono giunti hanno consolidato in noi la consapevolezza del valore dell’intero gruppo. Andiamo in Russia quindi sapendo di non essere inferiori e di poter giocarci le nostre chanches. Servirà però molta umiltà. Bisognerà infatti rimanere coi piedi ben ancorati a terra, per poter affrontare nel migliore dei modi ogni assalto. Abbiamo visto infatti come la distanza tra un successo ed una sconfitta sia una “questione di attimi”. Dovremo essere molto bravi a gestire questi “attimi”. E’ questo il nostro obiettivo principale!

Giovanni Sirovich – Abbiamo affrontato la preparazione ai Mondiali con il chiaro obiettivo di rigenerarci dopo l’intensa stagione di Coppa del Mondo e soprattutto dopo i Campionati Europei. Alla luce di quanto visto, abbiamo raggiunto lo scopo prefissatoci. Arriviamo a Kazan con la serenità di chi sa di avere lavorato bene, pronti a dare il massimo in pedana  e con la voglia di esprimere al meglio il nostro potenziale. Possiamo ben figurare ma questo non può e non deve rappresentare un macigno, anzi deve liberarci da eventuali paure e permetterci di affrontare le gare con maggiore serenità.

Twitter: agenna85

Pianeta Scherma su Twitter

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia di Augusto Bizzi per Federscherma

 
jizzrain.com/vd/2353-video

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.