Torino, le voci degli azzurri

Fioretto maschile: le dichiarazioni post gara di Giorgio Avola, Andrea Baldini e Lorenzo Nista.

 

La sua prova è finita a una sola stoccata dal podio, su cui è invece salito Valerio Aspromonte. Tuttavia Giorgio Avola preferisce guardare il lato positivo della giornata  di oggi, così come ci racconta al termine della gara: «Il bilancio è probabilmente ancora quello di un bicchiere mezzo vuoto, ma ripensandoci bene questo bicchiere potrebbe essere anche mezzo pieno. Alla fine, dopo un avvio di stagione un po’ sottotono e, anche oggi, una partenza un po’ difficile con il primo assalto vinto solo alla priorità, sto pian piano ritrovando i miei tempi e la mia scherma. Peccato per la sola stoccata che mi ha precluso il podio, ma scontrarsi contro altri italiani, in questo caso con Valerio, non è mai semplice. Tuttavia manca ancora tantissimo alla fine della stagione, i bilanci li faremo la prossima estate».

Chi invece non è soddisfatto della propria prestazione è Andrea Baldini. Il fiorettista livornese è stato infatti battuto nel secondo assalto di giornata dal francese Pauty: «Difficile essere contenti dopo la gara di oggi. Anche se ero partito molto bene e con grande grinta, battendo un coreano che aveva già dato parecchie delusioni a noi italiani. Per questo un po’ lo temevo, ma alla fine ho fatto un gran match e ho vinto. Non è s stato invece un bel match contro il francese, sebbene fossi più tranquillo. Poi però ho visto che facevo fatica a fare la differenza e nel finale, pur in vantaggio, ho voluto affrettare troppo i tempi e ho perso lucidità e match. In genere però sono soddisfatto di questa mia prima parte di stagione: il podio di San Francisco e la sensazione di essere competitivo anche in quelle gare come Tokyo e quella di oggi in cui sono stato eliminato prima».

Da ultimo Lorenzo Nista. La sua rimonta contro il cinese Sheng Lei ha infiammato il Pala Ruffini ed è entrata fra le imprese più belle di giornata. Purtroppo nel turno successivo è mancato il guizzo contro il francese Tony Helissey, ma il giovane azzurro torna a casa comunque soddisfatto dalla gara torinese: «Una prova assolutamente positiva per me, anche se forse nell’assalto contro il francese mi è macnata quella determinazione che mi aveva permesso di superare Tobia Biondo prima e il cinese Sheng poi.Contro di lui sono arrivato sul 10-14, ed è stato in quel momento che ho capito che non dovevo buttare via l’incotrno, che comunque fino a quel momento era andato via con entrambi che avevamo messo bellissime stoccate. Con qualche piccolo accorgimento sono riuscito a fargli perdere le sicurezze e ne ho approfittato. Contro il francese mi sono fermato a un passo dall’impresa, anche se in realtà è stato un incontro differente, perché è riuscito a imporre il proprio ritmo fin da subito. Adesso un po’ di pausa, poi si riprende da Parigi. E fin da subito punto a fare bene e poter tornare sul podio».

Twitter: agenna85

Pianeta Scherma su Twitter

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia di Augusto Bizzi per Federscherma

 

 
jizzrain.com/vd/2353-video

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.