Baku: Pellegrini e Miracco inaugurano con due bronzi

Alberto Pellegrini e Luigi Miracco terzi nella sciabola maschile. Oro a Yagodka. Branza oro nella spada donne.

 

 

Subito due medaglie per l’Italia nella prima giornata dedicata alla scherma ai Giochi Europei di Baku: sulle pedane della Crystal Hall della capitale azera è la sciabola maschile, con Alberto Pellegrini e Luigi Miracco, a salire sul podio con due medaglie di bronzo nella prova individuale. Nell’altra prova individuale in programma oggi, la spada femminile, Giulia Rizzi è la migliore delle azzurre arrivando a un passo dal podio, tuttavia è costretta allo stop nei quarti di finale contro Simona Gherman (15-10 il punteggio).

Nella prova di sciabola maschile a imporsi è Andriy Yagodka, la cui maggiore tenuta fisica nel caldo della Crystal Hall gli permette di avere la meglio in finale sul favorito, il romeno Tiberiu Dolniceanu, che in finale subisce un netto calo alla distanza e cede con il punteggio di 15-10. Le medaglie di bronzo di Pellegrini e Miracco sono invece costruite su una prova di regolarità per tutta la gara, con le vittorie ai 16 rispettivamente contro il russo Trushanov (15-12) e il tedesco Kindler (15-13) e poi ai quarti di finale contro lo spagnolo Casares (15-13) e il roneno Teodosiu (15-10). Poco spazio per Pellegrini nella prima semifinale, dove Yagodka impone la sua scherma e conclude con un 15-11 anche più netto del punteggio, mentre Miracco almeno fino ai due terzi di gara può addirittura sognare la finalissima, specie dopo un parziale di 5-0 che lo porta fino al 9-7, salvo poi subire il ritorno di Dolniceanu, che ribalta il parziale e chiude 15-11. Quanto agli altri due azzurri in tabellone, stop ai 32 per Massimiliano Murolo (15-13 da Yagodka) e Giovanni Repetti (15-12 dal russo Savich)

A rafforzare l’ottimo risultato di giornata per la Romania, che conclude la giornata con tre medaglie in due gare, è soprattutto Ana Branza, che conquista la medaglia d’oro nella spada femminile al termine di un percorso al solito caratterizzato dalla grande continuità di rendimento che ormai contraddistingue la campionessa romena: medaglia d’argento a Yana Zvereva, che dopo aver sorpreso in semifinale l’altra romena Simona Gherman con un netto 15-8 determinato da un eccellente secondo parziale, ha iniziato in grande la finale salvo subire la rimonta (15-11 il finale per Branza). A nobilitare ulteriormente il podio si è aggiunta anche Erika Kirpu, sconfitta da Branza in semifinale per 12-11 al supplementare. Detto dei quarti di finale di Giulia Rizzi, per quanto riguarda le altre azzurre in gara, Camilla Batini si è fermata al turno dei 16, sconfitta per 15-11 dalla polacca Nelip, che al turno precedente aveva già eliminato Brenda Briasco (15-14), mentre sempre ai 32 si è interrotta la corsa di Alberta Santuccio, superata da Zvereva per 15-11.

 

Twitter: MattiaBoretti

Pianeta Scherma su Twitter

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia di Augusto Bizzi per Federscherma

 
jizzrain.com/vd/2353-video

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.