Ps Awards: and the winners are…

I risultati del nostro sondaggio. Fra conferme e volti nuovi, ecco chi si è aggiudicato i nostri Awards.

 

Le votazioni si sono chiuse lo scorso 15 settemre. Noi vi abbiamo dato le nomination, voi avete scelto quelli che, a vostro parere, sono stati i migliori schermidori della passata stagione. In Italia e e non solo. Ecco chi sono i vincitori delle dieci categorie.

Fioretto femminile

scherma-arianna-errigo-saint-maur-fb-federscherma-800x533

Un avvio di stagione bruciante, con tre vittorie in Coppa del Mondo, e il bronzo Mondiale conquistato a Mosca – senza dimenticare i buoni risultati ottenuti nella seconda parte dell’annata malgrado i problemi fisici che l’hanno rallentata – hanno portato Arianna Errigo per il secondo anno in cima alle preferenze dei nostri lettori. Per lei il 42,7% dei voti. Sul “podio” anche Elisa Di Francisca e Alice Volpi.

Fioretto maschile

daniele garozzo

 Una grande stagione per il più piccolo dei fratelli Garozzo, che succede ad Andrea Cassarà nell’albo d’oro del fioretto maschile. Per Daniele, argento Europeo a Montreux e Campione del Mondo a squadre a Montreux (oltre a una buona annata di Coppa del Mondo con due podi), il 49,8% delle preferenze. Andrea Baldini e Andrea Cassarà occupano il secondo e il terzo posto.

Sciabola femminile

rossella gregorio

 Autentico plebiscito per Rossella Gregorio (67,8%), che per il secondo anno consecutivo conquista la targa di miglior sciabolatrice mettendo in fila la giovane Sofia Ciaraglia (fra le protagoniste dell’oro iridato Under 20 nella prova a squadre di Tashkent) e la compagna di Nazionale Irene Vecchi.

Sciabola maschile

curatoli mosca

Una stagione da urlo per  Luca Curatoli, che succede a Luigi Samele come miglior sciabolatore (36,2% dei voti). Primo podio individuale in Coppa del Mondo, l’oro iridato vinto da protagonista nella magnifica giornata moscovita. Impatto devastante per lui alla prima, vera, stagione fra i grandi, dopo aver vinto di tutto e di più fra gli Under 20. Podio per Aldo Montano ed Enrico Berrè

Spada femminile

fiamingo mosca

Facile prevedere il bis di Rossella Fiamingo, che dopo aver copiato/incollato il risultato di Kazan 2014 sulle pedane, si prende a mani basse una seconda targa come miglior spadista, sbaragliando nettamente la concorrenza con un totale di voti pari al 76,8%. La vittoria di Rio e il buon finale di stagione valgono il secondo posto a Francesca Boscarelli, mentre Bianca Del Carretto chiude la top 3.

Spada maschile

enrico garozzo 3

 Con il 37,9% delle preferenze, Enrico Garozzo vince la spada maschile e completa una bellissima doppietta in famiglia con Daniele. Dietro di lui si piazza Andrea Santarelli, andato a un niente da una bellissima medaglia iridata a Mosca e ormai titolare fisso nel quartetto della Nazionale che porverà a strappare il pass per Rio 2016. Paolo Pizzo, vincitore l’anno passato, chiude al terzo posto.

Arma

cipressa montreux

Testa a testa tiratissimo nella categoria “miglior arma”, che alla fine premia lo splendido lavoro fatto da Andrea Cipressa con le squadre di fioretto (37,3%). I due Mondiali a squadre sono solo la punta dell’iceberg di una stagione che ha visto le fiorettiste e i fiorettisti italiani fra gli assoluti protagonisti sulle pedane di tutto il globo.

Miglior giovane

rosatelli

Campione Italiano Under 20, Campione Europeo e Campione del Mondo, sempre fra i giovani. Un triplete d’oro massiccio per Damiano Rosatelli, che si aggiudica la categoria riservata alle promesse del futuro. Per lui il 25,1% delle preferenze, che gli permettono di mettere in fila la spadista Eleonora De Marchi, mentre il terzo posto è appannaggio di un altro fiorettista, ovvero Francesco Ingargiola.

Straniero

velikaya

Una stagione al limite della fantascienza per Sofya Velikaya: Coppa del Mondo, campionessa Europea, Campionessa del Mondo. In entrambi i casi con il double individuale/squadra. E, ancora, quattro vittorie in Coppa del Mondo, due secondi posti e due terzi posti come peggior risultato. Non c’è dubbio alcuno su chi sia stata la migliore fra gli atleti non italiani. Al secondo posto, un’altra russa, ovvero Inna Deriglazova (oro iridato a Mosca), mentre Yuki Ota chiude il podio.

Scherma Paralimpica

bebe vio

Quasi 75 lettori su 100 hanno votato per Beatrice “Bebe” Vio, che per il secondo anno di fila conquista la categoria scherma paralimpica. Secondo posto per Matteo Betti, terzo per Andrea Macrì.

jizzrain.com/vd/2353-video

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.