Salsomaggiore, vincono Passaro e Paolini

Nella sciabola femminile si impone la poliziotta padovana. Nella spada maschile vince il forlivese.

 

Il pianto a dirotto dell’incredulo Giacomo Paolini, vincitore della prova di spada maschile. La stanchezza ben ripagata di Eloisa Passaro, regina della sciabola femminile malgrado il poco allenamento nelle gambe causa fresco rientro da infortunio. Due bei finali per due gare durissime, cominciate in mattinate e terminate a sera inoltrata, e caratterizzate dal grande caldo emanato dal fin troppo funzionante impianto di riscaldamento del palazzetto.

Non sono di certo mancate le emozioni al Pala Liabel di Salsomaggiore Terme, teatro della seconda giornata di gare valide per la prima Prova Nazionale Giovani. Gare queste che regalano sempre assalti di alto livello e tirati fino all’ultima stoccata. La prova di sciabola femminile rispetta il pronostico, regalando una finale fra Eloisa Passaro e Rebecca Gargano; le più quotate per esperienza internazionale e per palmarès, con nel carniere una medaglia d’oro Mondiale vinta nell’incredibile cavalcata a squadre di Tashkent, assieme a Sofia Ciaraglia e Chiara Mormile ora passate a tirare fra le grandi. Il punteggio premia la poliziotta di scuola padovana, che si impone 15-13, dopo aver battuto senza troppi problemi in semifinale la portacolori del Club Scherma Roma Laura Olivieri. A condividere con lei il gradino più basso del podio, la friulana Michela Battiston, di scuola Gemina Scherma: la nazionale azzurra ha dato non poco filo da torcere alla Gargano, che la spunta alla lotteria della ventinovesima stoccata

Non poteva invece scegliere palcoscenico più prestigioso Giacomo Paolini per centrare la sua prima vittoria importante a livello nazionale. Il forlivese non ha saputo trattenere la gioia e l’incredulità dopo aver messo la quindicesima stoccata contro il ben più quotato Federico Vismara. E se la finale è stata tirata, la semifinale ha vissuto un vero e proprio finale thrilling: avanti per 14-11 sul torinese Daniel De Mola, Paolini non ha saputo concretizzare ben tre match point, favorendo così la risalita di De Mola che riusciva a raggiungere un insperato pareggio sul 14-14. Ed è qui che il futuro vincitore ha costruito il suo capolavoro, contro un avversario che aveva completamente dalla sua l’inerzia psicologica dell’incontro, piazzando la botta che vale la finale e sfogando la tensione con un lungo urlo liberatorio. Dall’altra parte era Federico Vismara – pilotato a bordo pedana da due tenori del calibro di Alfredo Rota e Diego Confalonieri – a centrare la finale regolando il siciliano Gianpaolo Buzzacchino al termine di un assalto velocissimo e molto piacevole da seguire, mettendo in mostra la sua caratteristica scherma propositiva e giocata all’attacco. Una tattica che ha provato a imporre anche a Paolini in finale, senza però riuscire nel suo intento: il ragazzo di Forlì ha accettato le regole di ingaggio imposte da Vismara, ma ha imposto le sue condizioni e alla fine ha vinto con grande merito.

Domani ultima giornata di gare: stesse armi ma a sessi invertiti. Poi sarà sipario su questa tre giorni di grande scherma.

Sciabola femminile – 1. Eloisa Passaro (Fiamme Oro), 2. Rebecca Gargano (Aeronautica Militare), 3. Michela Battiston (Gemina Scherma), 3. Laura Olivieri (Club Scherma Roma), 5. Flaminia Prearo (Fiamme Oro), 6. Sara Del Prete (Club Scherma Salerno), 7. Francesca Pasquadibisceglie (Scherma Trani), 8. Ludovica Ferrari (Circolo della Scherma Imola)

Spada maschile – 1. Giacomo Paolini (Circolo Schermistico Forlivese), 2. Federico Vismara (Scherma Cariplo Piccolo Teatro Milano), 3. Gianpaolo Buzzacchino (Catania Scherma), 3. Daniel De Mola (Accademia Scherma Marchesa Torino), 5. Gabriele Risicato (Club Scherma Pisa Antonio Di Ciolo), 6. Giacomo Corrado (Club Schermistico Partenopeo), 7. Gabriele Bianco (Michelin Sport Club Torino), 8. Amedeo Zancanella (Accademia Scherma Marchesa Torino)

Twitter: agenna85

Pianeta Scherma su Twitter

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia di Augusto Bizzi per Federscherma

jizzrain.com/vd/2353-video

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.