Sciabola femminile, l’analisi del tabellone

Sorteggio duro per le italiane, finite tutte dalle parti delle big. L’analisi del tabellone della prova individuale.

 

C’è poco da sorridere in casa Italia dopo l’estrazione dei tabelloni della prova individuale di sciabola femminile, con le azzurre che potrebbero già finire in pasto agli squali al secondo turno. C’è Sofya Velikaya sulla strada di Irene Vecchi, mentre Olga Kharlan  e Yijeon Kim potrebbero subito incrociare le lame con Rossella Gregorio e Loreta Gulotta. Certo, fasciarsi la testa prima di essersela rotta è prematuro e controproducente, ma decisamente bisogna ammettere che la sorte con le nostre sciabolatrici è stata poco benevola.

Primo quadrante – È il pezzo di tabellone presidiato da Sofya Velikaya. La fuoriclasse russa attende di conoscere la sua avversaria che uscirà dal match fra la polacca Jozwiak e la brasiliana Baeza Centurion. Nel suo ramo di tabellone c’è, come accennato in fase di introduzione, la nostra Irene Vecchi. L’esordio contro la francese Charlotte Lembach non è fra i più semplici, ma non esiste una vera favorita per la vittoria. Ai quarti di finale si potrebbe poi rinnovare la sfida che l’anno scorso mise in palio a Mosca il titolo del Mondo, con opposta a Sofya Velikaya la francese Cecilia Berder. Per lei esordio contro l’argentina Maria Belen Perez Maurice ed un eventuale ottavo di finale contro Ibtihaj Muhammad (o Olena Kravatska)

Secondo quadrante – Nessuna azzurra in questa parte di tabellone, dove i nomi da tenere d’occhio sono quelli della cinese Shen Chen, della francese Manon Brunet e dell’ungherese Anna Marton. E proprio l’eventuale incrocio agli ottavi di finale fra due dei migliori prospetti della disciplina, potrebbe essere il match più intrigante in questo secondo quadrante.

Terzo quadrante – Anche qui non ci sono italiane, ma si preannuncia una zona molto calda di tabellone. A presiedere c’è Mariel Zagunis, che aspetta una fra Chika Aoki (Jpn) ed Eileen Grench (Pan). Succoso poi l’eventuale quarto di finale con Ekaterina Dyachenko, con la russa chiamata a scollinare l’ostacolo Jiyeon Seo al primo assalto di giornata. Nell’altro ramo ci sono la greca Vassiliki Vougiouka e la russa Yana Egorian, che potrebbero dare vita a un bel match già agli ottavi di finale.

Quarto quadrante – Una parte di tabellone da seguire con grande attenzione. In primis per la presenza delle due azzurre Rossella Gregorio e Loreta Gulotta: la campana esordirà contro l’ucraina Alina Komashchuk. Un match che evoca brutti ricordi a Rossella, visto che l’incrocio ai Mondiali di Mosca dell’anno scorso, anche lì al primo turno, non disse bene all’azzurra. Quanto alla Gulotta, per lei l’esperta polacca Alexandra Socha, alla sua quarta Olimpiade. Ad attenderle in caso di passaggio del turno ci sarebbero rispettivamente Olga Kharlan (alla prese nel primo turno con la vincitrice del derby messicano fra Tania Arrayales e Julieta Toledo, subentrata quest’ultima a Paola Pliego squalificata per doping). e la campionessa in carica Jiyeon Kim (attenzione però alla vietnamita Nguyen, che già aveva sgambettato la coreana a Mosca). Per i due “pesi massimi” possibile l’incrocio ai quarti di finale.

Twitter: agenna85

Pianeta Scherma su Twitter

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia di Augusto Bizzi per Federscherma
jizzrain.com/vd/2353-video

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.