Prima Prova Nazionale Erba: le gare al femminile

Nel fine settimana in palio i primi pass per gli Assoluti di Gorizia. Le gare al femminile.

 

Una giornata interamente “in rosa” quella di sabato. A panino fra le gare maschili (clicca qui per la presentazione e i temi) del venerdì e della domenica. Tre gare, tutte spettacolari e ricche di spunti interessanti da analizzare. Spicca ovviamente l’esordio di Arianna Errigo nella sciabola, ma anche le gare di fioretto e spada hanno cose davvero interessanti da raccontare.

Fioretto – Con la Errigo impegnata nella gara di sciabola ed Elisa Di Francisca ancora in fase di “decompressione” post Olimpica, la gara di fioretto femminile parte senza le due stelle di riferimento. Ma lo spettacolo è garantito ugualmente, dato l’altissimo livello dell’intera concorrenza. Tanto che al momento fare un pronostico è pressoché impossibile. Occhi puntati su Alice Volpi: la toscana l’anno scorso ha fatto il botto a Torino dopo averlo solo sfiorato a Cancun, ma allo stesso tempo ha peccato ancora di discontinuità, alternando belle gare a cadute inattese. Chissà che questa non possa essere per lei la stagione della deflagrazione definitiva. Punta a tornare sui livelli di due anni fa Martina Batini, dopo due stagioni difficili in cui non sono comunque mancati sprazzi della fiorettista a tratti irresistibile ammirata nel 2014. Come per la sciabola ,anche qui ci sono alcune giovani da tenere d’occhio, da Erica Cipressa a Serena Rossini e Camilla Rivano, senza dimenticare Francesca Palumbo e Camilla Mancini, sempre in rampa di lancio ma che ancora non sono riuscite a spiccare il volo come il loro talento farebbe presumere.

Sciabola – L’esordio individuale di Arianna Errigo come sciabolatrice, catalizza indubbiamente l’interesse su questa prova. Gara difficile per la monzese, che potrà però contare sul sostegno a gran voce dall’intera Comense Scherma, nido da cui la giovane Arianna ha spiccato il volo. Perché parte da ultima del ranking e da lì affronterà una muta di sciabolatrici decise in tutto e per tutto a non concedere nulla alla nuova arrivata. Fra di esse, le reduci di Rio, a partire da una Loreta Gulotta uscita carica a pallettoni dall’esperienza brasiliana e che morde il freno per tornare in pedana. E poi Rossella Gregorio e Irene Vecchi, che dalla sua amata Livorno ha fatto armi e bagagli per trasferirsi a Frascati. Sul taccuino anche il nome di alcune giovani, su tutte Lucia Lucarini, apparsa in grande palla nelle prime usciti di Coppa del Mondo Under 20

Spada – A completare il programma della giornata di sabato, anche la prova di spada femminile. C’è Rossella Fiamingo, reduce dall’argento Olimpico di Rio, c’è Mara Navarria, ripartita da Rapallo per preparare le nuove sfide. E ancora, Giulia Rizzi – reduce dalla sua best season – e due veterane come Bianca Del Carretto e Francesca Quondamcarlo in cerca di rilancio dopo le ultime, cocenti, delusioni. Da seguire anche le giovani promesse dell’under 20 (Eleonora De Marchi, Alessandra Bozza, Federica Isola e Beatrice Cagnini, per fare qualche nome) o chi, come Alice Clerici, dalla categoria ne è appena uscita nel migliore dei modi, ovvero firmando il titolo Mondiale lo scorso aprile a Bourges.

Twitter: agenna85

Pianeta Scherma su Twitter

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia Augusto Bizzi per Federscherma
jizzrain.com/vd/2353-video

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.