Fioretto femminile: la guida alla stagione 2016/2017

Le fiorettiste sono le prime a rimettersi in pista nella strada che culmina a luglio 2017 con i Mondiali di Lipsia. La guida alla nuova stagione: le protagoniste più attese i temi e il calendario completo.

 

Prendendo in toto in prestito il titolo di un libro di Flavio Tranquillo, altro giro, altro tiro, altro regalo. Traslate dal basket alla scherma, dal parquet alle pedane e poi via, a bomba in una nuova stagione che sta per prendere il via. Una stagione particolare, perché la prima di un nuovo ciclo olimpico, il cui semaforo verde si illumina a esattamente due mesi dalla fine delle gare di Rio. Si parte da Cancun, con in fondo alla strada il traguardo finale di Lipsia, dove le migliori del lotto troveranno ad attenderle le medaglie iridate da giocarsi nel prossimo luglio.

Ranking (Top 5)

La sua quinta Coppa del Mondo, Arianna Errigo l’aveva già messa in ghiaccio prendendosi l’oro Europeo a Torun. Ma quella che nei piani della monzese avrebbe dovuto essere solo la icliegina della torta, si è tramutata in una ben magra consolazione che non può cancellare la delusione per il flop di Rio.

1 262 ERRIGO Arianna
2 233
DERIGLAZOVA Inna
3 218 DI FRANCISCA Elisa
4 202 KIEFER Lee
5 172 THIBUS Ysaora

Calendario

Cancun – 14/15/16 ottobre 2016

St. Maur – 04/05/06 novembre 2016

Torino – 02/03/04 dicembre 2016 (Grand Prix)

Algeri – 13/14/15 gennaio 2017

Danzica – 03/04/05 febbraio 2017

Long Beach – 18/19 marzo 2017 (Grand Prix)

Tauber – 28/29/30 aprile 2017

Shanghai – 19/20/21 maggio 2017 (Grand Prix)

I temi della stagione

fioretto donne italia russia

Italia – Russia, una sfida infinita – La sfida fra le due grandi potenze del fioretto mondiale è pronta a riaccendersi e a rivivere nuovi capitoli di una rivalità senza quartiere. L’ultima stagione ha visto un ribaltamento delle gerarchie, riusciranno le azzurre a riprendersi il trono di specialità? Quel che c’è di certo è che sarà una dura lotta, tanto a livello individuale quanto nelle gare a squadre. Ne vedremo delle belle!

volpi

L’ora di Alice – L’endorsment è di quelli d’autore: «L’ho già nominata mia erede». Parole e musica di Elisa Di Francisca, mica una qualunque. Quello che scatta con la gara di Cancun può essere il quadriennio della fiorettista senese, che nella passata stagione ha lanciato i primi squilli con il secondo posto di Cancun e, soprattutto, una spettacolare prima vittoria in Coppa del Mondo centrata a Torino. Lampi a cui però han fatto da alternanza prestazioni opache, spesso con gare chiuse già al primo assalto: se trova la giusta costanza di rendimento, allora Alice Volpi ha davvero tutte le carte in regola per diventare protagonista assoluta della scena.

arianna

La voglia di riscatto di Arianna – Il primo amore non si scorda mai. E così, riposta per il momento la sciabola nell’armadietto, per Arianna Errigo è tempo di tornare al suo caro amato fioretto. Archiviata definitivamente l’amarezza per la gara di Rio, la fuoriclasse monzese è pronta a tuffarsi in una nuova stagione per provare ad aggiornare i suoi sin qui impressionanti numeri.

Di Francisca L'Avana

Mi rilasso e poi torno – Non la vedremo fra le protagoniste delle prime tre gare stagionali, ma Elisa Di Francisca dopo Rio lancia nuovamente la sfida alle avversarie. Per la leonessa jesina ora un po’ di riposo per riprendersi dalla stressate stagione Olimpica, la rivedremo in pedana nel 2017, sicuramente carica e motivata a dire ancora la sua in pedana.

martina batini

Le altre azzurre – Martina Batini, Chiara Cini, Elisa Vardaro, Carolina Erba, Valentina Cipriani, Camilla Mancini, Serena Teo, Valentina Di Costanzo.

leonie ebert

L’apprendistato di Leonie – In principio fu “qualche gita a Disneyaland”, per usare le parole del ct Andrea Magro. Poi è arrivato anche il debutto al Mondiale l’anno scorso a Mosca, dove Leonie Ebert è riuscita comunque a centrare il tabellone principale. Il “neue kurs” tedesco punta molto sul gioiellino di Wurzburg, che nella passata stagione è riuscita anche a entrare per la prima volta in una finale a  nel Grand Prix di Shanghai. E che può continuare il suo apprendistato nella scherma delle “grandi” per crescere e provare a prendersi un futuro che a detta di molti promette molto bene.

Boubakri

Altre protagoniste – Ormai a fare la storia, Ines Boubakri ci è abituata: prima donna africana ad andare a medaglia alle Olimpiadi dopo aver già firmato un’impresa simile a livello iridato a Kazan nel 2014. Ora punta a fare uno step in più, per entrare stabilmente nel giro delle migliori interpreti del fioretto. La Francia invece punta ancora molte fiches sul talento di Ysaora Thibus, che entra definitivamente nel pieno della maturità agonistica: l’anno scorso ha vinto la sua prima prova di Coppa del Mondo ed è sempre stata a contatto con le migliori. Sarà lei la carta pesante al mazzo delle transalpine. Per concludere la nostra carrellata, un salto in casa Usa dove si punta sul solito, consolidato gruppo, con ragazze come Lee Kiefer, Nizngha Prescod, Nicole Ross e Sabrina Massialas che malgrado la giovane età possono essere definite, per esperienza accumulata, delle veterane.

Twitter: agenna85

Pianeta Scherma su Twitter

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia di Augusto Bizzi per Federscherma
jizzrain.com/vd/2353-video

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.