“Bravo” Charlotte: a Mosca la prima della Lembach

La francese batte la Marton e si prende l’ultima prova prima di Europei e Mondiali. Italiane fuori dalle otto per la prima volta in stagione. Gregorio e Gargano nelle 16.

 

Non aveva mai vinto una prova di Coppa del Mondo, non aveva mai battuto Anna Marton a 15. Prima della finale del Gp di Mosca, il pronostico era tutto contro di lei, ma Charlotte Lembach l’ha saputo ribaltare con un assalto perfetto, un 15-10 senza possibilità d’appello rifilato a una delle atlete più in forma del momento.

L’ungherese si presentava da numero 2 del mondo e numero 1 del tabellone vista l’assenza di Yana Egorian, era reduce da due argenti di fila, e di un argento – anche stavolta – si è dovuta accontentare. Perché a Mosca è andato in scena il recital migliore della carriera di Charlotte Lembach, 29 anni, sei podi in Coppa del Mondo, un argento e un bronzo continentale, ma ancora senza l’acuto d’oro. Fino a oggi.

Una sorpresa, dunque, in una gara che di sorprese è stata piena. Basta leggere i nomi delle quattro semifinaliste, con la Marton accompagnata da Lembach, Pascu e Queroli, “abbandonata” anzitempo dalle varie Brunet (fuori ai quarti per mano di una eccellente Bianca Pascu), Kim (sconfitta sempre nelle otto dalla Lembach) Kharlan (out addirittura nelle 16 contro la giapponese Aoki). Basta considerare che per trovare la prima italiana in classifica bisogna – per la prima volta in stagione – uscire dalle otto, incontrando Rebecca Gargano e Rossella Gregorio, stoppate agli ottavi di finale rispettivamente dalla Kim (15-11) e dalla Pascu (15-12). Pascu che nelle 32 aveva eliminato Irene Vecchi (15-14).

Sfortunato il match di Rossella Gregorio, che dal -6 era riuscita a risalire fino al 12-12, aveva visto assegnarsi la stoccata numero 13 prima che la richiesta di video dell’avversaria portasse l’arbitro a cambiare idea, e sul 12-14 ha ricevuto un secondo giallo per falsa partenza. Si è fermata nelle 32 anche Martina Petraglia (12-15 dalla Brunet). Fuori nelle 64, invece, Flaminia Prearo (15-11 contro Chika Aoki), Martina Criscio (15-11 contro Choi Sooyeon) e Caterina Navarria (15-11 nel derby contro Rossella Gregorio).

 

Twitter: GabrieleLippi1

Pianeta Scherma su Twitter

Pianeta Scherma su Facebook

Foto Bizzi per Fie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.