Universiadi: a Bida la spada maschile, lontanissimi gli azzurri

Il russo batte Baniyai e si aggiudica la spada. Podio Per Yamada e Broniszewski. Male gli azzurri.

 

Festa russa e Italia lontana dal podio. Così si può, in estrema sintesi, riassumere quanto accaduto oggi sulle pedane della spada maschile alle Universiadi di Taipei. Nella giornata in cui arriva la medaglia di bronzo di Beatrice Monaco, Lorenzo Buzzi, Gabriele Cimini, Valerio Cuomo e Federico Vismara non riescono a rispondere da par loro, uscendo tutti nelle primissime battute della gara.

Finisce ai 64 la gara di Cimini e Vismara, dura un turno in più quella di Cuomo e Buzzi. Tutti e quattro si ritroveranno in pedana fra tre giorni per il riscatto nella prova a squadre, nel frattempo alle cronache ci va la vittoria di Sergey Bida, che regala alla Russia la prima medaglia d’oro di questa manifestazione. La vittoria sul polacco Filip Broniszewski è il lasciapassare per l’atto finale, dove piega per 15-11 un mai domo Szombor Baniyai. Un argento che, unito all’oro di ieri di Andras Szatmari nella sciabola maschile e a quello conquistato oggi da una scatenata Fanny Kreiss nel fioretto femminile, proiettano l’Ungheria in testa al medagliere nella scherma. Dove ha fatto il suo ingresso anche il Giappone, grazie a Masaru Yamada, oggi terzo.

Classifica – 1. Bida (Rus), 2. Banyai (Hun), 3. Yamada (Jpn), 3. Broniszewski (Pol), 5.Vuorinen (Fin), 6. Herey (Ukr), 7. Marchal (Fra), 8. Turnau (Est)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.