Magico Cimini, secondo a Buenos Aires

Lo spadista pisano si ferma solo in finale davanti a Bida. Terzi Redli e McDowald. Santarelli si ferma nei 16.

 

Ancora un podio, il secondo in carriera, e il momento straordinario di Gabriele Cimini continua. L’atleta pisano dell’Esercito brilla nella prova di Coppa del Mondo di spada maschile disputata a Buenos Aires, fermandosi soltanto in finale, sconfitto dal russo Sergey Bida per 15-11. Un passo oltre il terzo posto della gara di un anno fa a Heidenheim, che lo lanciò verso un’annata di alto livello, con altri due piazzamenti in finale e il podio sfiorato agli Europei di Novi Sad. Ora Cimini è numero 16 del mondo, un traguardo che dalla prossima gara gli consentirà di evitare la giornata di qualifiche.

Strepitosa la gara di Cimini, che tra quarti e semifinale si era disfatto con due perentori 15-6 del giapponese Kazuyasu Minobe (vincitore a Budapest appena due settimane fa) e dello statunitense Curtis McDowald, sul terzo gradino del podio insieme all’ungherese Andras Redli. Agli ottavi era arrivato il successo per 15-12 contro il campione olimpico di Londra 2012, il venezuelano Ruben Limardo Gascon, nei 32 un secco 15-5 al giovane talento francese Luidgi Midelton, campione del Mondo Under 20 in carica, nei 64 il 15-12 nel derby azzurro e d’arma contro Lorenzo Buzzi.

Fuori agli ottavi Andrea Santarelli, reduce dal secondo posto di Budapest, sconfitto da McDowald per 15-14 dopo aver superato l’ucraino Yan Sych (15-12) e il cinese Shi Gaofeng (15-6). Fuori nei 32 il due volte campione del mondo Paolo Pizzo, battuto 15-13 dall’ucraino Bogdan Nikishin dopo il 15-5 nei 64 al cubano Reynier Henriquez Ortiz. Oltre a Buzzi, stop nei 64 pure per Enrico Garozzo, sconfitto 15-12 da Bida.

 

Twitter: GabrieleLippi1

Foto Bizzi team/Fie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.