La firma di Santarelli nella festa ungherese, azzurro bronzo nella spada maschile

L’azzurro fermato in semifinale dall’ungherese Siklosi, poi campione del Mondo. Fuori al primo assalto gli altri azzurri in gara.

 

La luce al termine di una giornata che per l’Italia era cominciata nel peggiore dei modi, con la triplice eliminazione di Marco Fichera, Enrico Garozzo e Gabriele Cimini nel primissimo assalto. Andrea Santarelli chiude la sua prova individuale con una medaglia di bronzo, la prima a un Mondiale, da mettere accanto all’argento Europeo vinto non più tardi di un mese fa a Dusseldorf.

Una prova solida quella del fulignate, perlomeno fino alla semifinale, in un cammino impreziosito anche dal doppio “francesicidio” perpetrato ai danni dapprima di Alexandre Bardenet quindi, di Yannick Borel, con un 15-12 buono per aprirsi la strada sulla zona podio. E allora spazio alla soddisfazione per una medaglia inaspettata alla vigilia, dopo una preparazione impostata perlopiù sulla gara a squadre, di fondamentale importanza in ottica Tokyo. Ma, nel caleidoscopio emotivo di Santarelli ci entra anche un pizzico di delusione per una semifinale, quella contro l’ungherese Siklosy, che era cominciata nel migliore dei modi issandosi sino al 4-1, ma poi chiusasi nettamente in favore dell’avversario, che si prende il lasciapassare per la finale e, poi, per il titolo.

Splendida la finale con il russo Sergey Buda, da brividi il boato della Syma Hall ad accompagnare botta dopo botta la scalata di questo ventunenne sino al gradino più alto del podio. Con colpi da campione, come la botta al piede in momento crucialissimo che vale il 13-13, e la freddezza di un veterano nel non farsi schiacciare dal peso di essere il padrone di casa chiamato a portare a casa quell’oro sfuggito ieri nella sciabola. La spada maschile ha il suo nuovo, giovane re e l’Ungheria ringrazia intascando il primo alloro di questo Mondiale Casalingo.

Classifica – 1. Siklosi (Hun), 2. Bida (Rus), 3. Riezlin (Ukr) 3. Santarelli 5. Borel (Fra), 6. Kano (Jpn), 7. Verwijlen (Ned); 8. Kurbanov (Kaz).
37. Cimini (Ita), 49. Garozzo (ItaA), 64. Fichera (Ita)

 

Twitter: agenna85

Pianeta Scherma su Instagram

Pianeta Scherma su Telegram

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia Bizzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.