Eccole di nuovo! L’Italia domina a Kazan nella prova a squadre

Le fiorettiste tornano alla vittoria battendo in finale gli Stati Uniti. Terzo posto per la Francia, l’Ungheria vola a Tokyo.

 

Lo show del Dream Team, ma anche le mille sorprese e le mille emozioni di una giornata in cui a Kazan è successo di tutto e di più, stravolgendo fin dalle prime battute una giornata che alla vigilia sembrava incanalata verso l’ennesima sfida fra Italia e le padrone di casa della Russia e che invece è stato un intreccio unico di storie e destini tutte da raccontare.

A partire dal ritorno in grande stile alla vittoria dell’Italia. Un’affermazione dal grande peso specifico, perché questo di Kazan era il primo test di squadra dopo la tempesta dei giorni scorsi innescata dal botta e risposta fra Arianna Errigo ed Elisa Di Francisca e spenta dal ct Andrea Cipressa, bravo a riportare le due stelle luminose del fioretto azzurro sulla strada dell’intento comune in nome dell’interesse di squadra in luogo di quelli individuali.

Ma non solo: il successo è maturato in maniera netta e senza ammissione di discussione, con le azzurre (Alice Volpi e Martina Batini a completare il quartetto) che fin da subito hanno messo in chiaro le cose, demolendo una per una le avversarie incontrate per strada e marciando sempre con il motore al massimo regime di giri.  Della furia azzurra ne fanno diretta conoscenza, in ordine di incrocio,  l’Uzbekistan agli ottavi, l’Ungheria ai quarti e soprattutto la Francia in semifinale, lasciata a quota 28. Così come poca storia ha avuto la finale contro gli Stati Uniti, con la firma di Di Francisca sul definitivo 45-27.

Al terzo posto chiudono proprio le transalpine, che piegano la Polonia in un tirato quanto drammatico match vissuto fra parziali e controparziali, e con in palio una posta enorme soprattutto per le polacche. Una bellissima gara per loro, impreziosita dallo scalpo della Russia, ma non sufficiente per strappare il biglietto con destinazione Tokyo. In Giappone ci vola l’Ungheria, con le magiare che dopo aver concluso al sesto posto la propria gara hanno rivolto occhi e preghiere a Ranvier e compagne affinché infiocchettassero loro il regalo più bello. Prima di sciogliere la tensione nelle lacrime più dolci della loro vita.

Twitter: agenna85

Pianeta Scherma sui social: Instagram, Telegram, Facebook

Foto Bizzi