“Uno per tutti”, in un documentario il percorso di Aron Szilagyi verso Tokyo

 

Il 24 luglio, nella gara che assieme alla spada femminile inaugura il programma della scherma ai Giochi di Tokyo, Aron Szilagyi sarà impegnato nella caccia al suo terzo titolo Olimpico di fila. Un’impresa mai riuscita ad alcun schermidore uomo (fra le donne ci è riuscita Valentina Vezzali) e che in caso di successo proietterebbe ancora di più lo sciabolatore ungherese nella Storia della scherma.

Nell’attesa di cimentarsi sulle pedane di Tokyo, Aron Szilagyi si gode in patria il successo che ha accompagnato nelle sale cinematografiche l’uscita di “Uno per tutti”, il documentario che lo vede protagonista in prima persona e che narra del suo percorso negli ultimi Cinque Anni. Dall’oro di Rio alla preparazione in vista di Tokyo. Il film alterna riprese sul luogo di gara, ma filma anche allenamenti e altri momenti più privati come i festeggiamenti per la laure e il matrimonio.

La prima del film si è tenuta lo scorso 13 luglio e il lavoro del regista András Pires Muhi ha già riscosso recensioni entusiastiche. Da segnalare anche un cammeo di Aldo Montano in cui il livornese elogia il campione ungherese per il suo modo di tirare.

Pianeta Scherma sui socialInstagram, TelegramFacebook

Foto: Bizzi