Andrea Cipressa: “Sono deluso da tutti i miei atleti”

Parlando all’edizione locale veneta del Corriera della Sera, il ct del fioretto azzurro si dice amareggiato per quanto accaduto negli ultimi giorni. E rimette il suo incarico nelle mani del presidente Azzi.

 

Le critiche di Elisa Di Francisca mentre era in Giappone, oggi l’amara sorpresa di una lettera firmata dai suoi stessi atleti che ne chiedono la testa direttamente al presidente Paolo Azzi. Di certo non il periodo migliore per Andrea Cipressa, ct del fioretto italiano al centro del mirino dopo un’Olimpiade decisamente al di sotto delle aspettative e delle speranze espresse prima della partenza.

E al suo ritorno in Italia, Cippo ha affidato a un’intervista rilasciata al Corriere della Sera Veneto la sua delusione per tutto quanto accaduto, sia sotto l’aspetto agonistico sia, soprattutto, per quanto accaduto negli ultimi giorni. “Mai mi sarei aspettato di leggere certe parole nei miei confronti da parte dei ragazzi con cui ho condiviso gioie e dolori da quanto sono ct azzurro” ha detto Andrea Cipressa. Il quale, incalzato sul suo futuro, ha poi aggiunto: “Ho rimesso il mandato nei confronti del presidente federale. Deciderà lui cosa fare e come comportarsi nei miei confronti”.

Inevitabile un ritorno indietro a Tokyo e a un bottino da molti giudicato insufficiente per la nomea del fioretto italiano. “Ne sono consapevole” è il mea culpa di Cipressa “Purtroppo i risultati sono stati molto al di sotto delle aspettative. Ci saremmo aspettati tutti di più”. Ma più che sotto l’aspetto tecnico, la vera delusione per il ct azzurro arriva sul piano umano. A fare male è il fatto che “nessuno sia venuto a parlarmi, a dirmi in faccia certe cose. Fra uomini di solito si fa così. Uno può avere un’opinione negativa del sottoscritto, ma certamente esprimerla in quel modo in un comunicato l’ho trovato davvero avvilente”.

A fare da contraltare, i tanti messaggi di solidarietà ricevuti. Uno in particolare, quello di Stefano Cerioni da molti visto come il possibile suo sostituto: “Mi ha telefonato personalmente […] Quello che mi ha fatto piacere è che mi abbia ribadito la sua stima e la sua vicinanza. Siamo amici da tempo e questo mi ha fatto molto piacere”.

In mezzo anche un indizio sul futuro del tecnico jesino, suo compagno d’avventura nella trionfale Olimpiade del 1984 chiusa con l’oro a squadre: “Sta per firmare con un’altra federazione. Sarà lui poi a comunicare con chi”.

Twitter: agenna85

Pianeta Scherma sui socialInstagram, TelegramFacebook

Foto Bizzi