Francia e Russia si prendono le prove a squadre di spada a Barcellona e Sochi

Scherma - A Francia e Russia le prove a squadre di Barcellona e Sochi

A Barcellona le transalpine battono in finale la Russia, podio per le azzurre. A Sochi vittoria dei padroni di casa su Ucraina e Corea del Sud.

 

Sono state Francia e Russia a vincere le due prove a squadre di spada femminile e maschile andate in scena rispettivamente a Barcellona e a Sochi. Sulle pedane catalane, il quartetto composto da Marie Florence Candassamy, Josephine Jacques Andre Coquin, Alya Luty e Auriane Mallo si è aggiudacata la gara battendo in finale la Russia con il punteggio di 45-34.

Sempre in conduzioni le transalpine, che assalto dopo assalto hanno scavato il gap che le avversarie non sono mai riuscite a colmare. A completare il podio di giornata, l’Italia: il quartetto composto da Federica Isola, Roberta Marzani, Giulia Rizzi e Alberta Santuccio, dopo aver perso in semifinale proprio contro le francesi, si sono rifatte battendo la Germania.

LEGGI ANCHE – Spada femminile: l’Italia si conferma da podio, le azzurre chiudono terze a Barcellona

A decidere la tappa maschile, la sfida finale fra la Russia e l’Ucraina. A spuntarla sono stati proprio Sergey Bida e compagni (Gerogyi Bruev, Nikita Glazkov e Pavel Sukhov), che si sono imposti per 41-35 in una gara che nel corso della giornata ha regalato non pochi colpi di scena. A partire dalla grande cavalcata del Venezuela, che dopo aver eliminato Italia e Svizzera, sfiora il podio e chiude quarto. Terza piazza invece per la Corea del Sud.

Nono posto per l’Italia, fermati come detto dalla squadra capitanata dall’Olimpionico 2012 nel primo match di giornata agli ottavi di finale. Le vittorie contro Brasile, Svezia e Francia sigillano il piazzamento finale per il quartetto composto da Gabriele Cimini, Davide Di Veroli, Andrea Santarelli e Federico Vismara.

Twitter: agenna85

Pianeta Scherma sui socialInstagram, TelegramFacebook

Foto Bizzi

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.