Torna il grande classico ad Heidenheim, in Germania l’Italia della spada maschile cerca conferme dopo il Cairo

Scherma - Spada maschile: a Tbilisi si qualificano al main draw 3 azzurri

Dopo due anni torna la classica tappa di Coppa del Mondo di Heidenheim. L’Italia cerca conferme dopo le buone sensazioni del Cairo. A squadre è caccia al primo podio stagionale in una tappa amica.

 

Bentornata Heidenheim. In una cornice primaverile inedita per una gara che è sempre stata disputata in pieno inverno e che ha visto la sua ultima edizione disputata datata 2020. Allora il Covid era soltanto una voce lontana proveniente dalla Cina e il Mondo era ignaro del fatto che da lì a breve sarebbe precipitato in un incubo di cui solo adesso comincia a intravvedersi, pur lentamente, perlomeno un allentamento della morsa.

Allora vinse Gergely Siklosi, consacrazione del baby campione ungherese diventato pochi mesi prima campione del Mondo. Quella fu anche la giornata di Enrico Garozzo, che chiuse ai piedi del podio. E chissà che proprio i ricordi di due anni fa non possano dare la scossa al siciliano, che in questa prima parte di stagione ha faticato e non poco.

In casa Italia, puntano a confermarsi al vertice tanto Andrea Santarelli quanto Federico Vismara, che a parte la battuta a vuoto di Parigi, hanno sempre girato con grande costanza di risultati. Saranno loro due, assieme a Gabriele Cimini e Davide Di Veroli – secondo in Germania nel 2019 – a comporre la squadra che andrà a caccia del primo piazzamento sul podio stagionale su pedane che hanno sempre ispirato grandi ricordi al quartetto azzurro.

Leggi anche: Spada maschile: come seguire il fine settimana di Coppa del Mondo di Heidenheim

Come da tradizione della gara tedesca, il programma è anticipato di un giorno. Si parte quindi giovedì 12 maggio con la fase di qualificazione al tabellone principale previsto per venerdì 13 maggio. Sabato 14 maggio ci sarà la prova a squadre, mentre domenica è in prevista l’appendice della Coppa Europa.

Twitter: agenna85

Pianeta Scherma sui socialInstagram, TelegramFacebook

Foto Augusto Bizzi