Nicola Zanotti: “Come gruppo, un passo indietro rispetto alle altre gare”

Scherma - Nicola Zanotti: "A Padova troppi alti e bassi, c'è da lavorare"

Nicola Zanotti analizza il fine settimana dell’Italia al Grand Prix di Padova di sciabola fra elementi positivi e criticità

 

“Ci sono cose che non mi sono piaciute e su cui bisogna lavorare, come gruppo in questo fine settimana ho notato un passo indietro rispetto alle altre gare”. Chiusa la tre giorni di Padova, Nicola Zanotti prova a tracciare un bilancio di quanto fatto vedere dall’Italia nella gara di casa. La finale a otto di Rossella Gregorio, la bella gara di Chiara Mormile,  uno stoico Dario Cavaliere capace di lottare e sfiorare una finale a otto malgrado un infortunio che si porta dietro da tempo, sono sicuramente le note positive del fine settimana del Palaindoor. Un bilancio che però non basta a rendere soddisfatto pienamente il ct della sciabola per una gara dove il suo gruppo partiva con altre ambizioni tanto nella prova femminile quanto in quella maschile.

Leggi anche: Aron Szilagy fa la storia! Tris al Luxardo e il Trofeo torna a casa con lui

Nel giorno in cui le facce sorridenti a fine gara sono state soprattutto quelle di Anna Bashta e Aron Szilagyi, in casa azzurra sono emerse alcune criticità su cui il tecnico livornese ha fretta di lavorare fin da subito in ottica Europei e Mondiali. E sotto questo aspetto, Zanotti sembra già avere le idee chiare su dove intervenire in vista del caldo finale di stagione.  “L’atteggiamento in pedana è da rivedere” ci racconta appena chiusa la gara “ho visto troppi assalti o approcciati male e poi rimessi in piedi quando era troppo tardi o altri partiti bene e poi gestiti male. Su questo aspetto sicuramente devo impattare di più e farlo fin da subito perché ora il tempo stringe e ci sono da preparare Europei e Mondiali”.

Al primo test manca meno di un mese e il tempo per apportare le correzioni non è molto, considerato che in mezzo c’è anche la parentesi degli Assoluti di Courmayeur. In attesa di poter riavere tutto il gruppo ai suoi ordini, Nicola Zanotti ha già dato mandato ai maestri e al suo staff di cominciare a lavorare. Perché, parole e musica dello stesso responsabile d’arma, “gli Europei e i Mondiali sono belli soltanto se si torna a casa con le medaglie”.

Twitter: agenna85

Pianeta Scherma sui socialInstagram, TelegramFacebook

Foto Bizzi

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.