I Mondiali del Cairo in cifre: numeri, statistiche e curiosità della rassegna iridata

Scherma - Mondiali Il Cairo 2022, orari, programma, come seguire le gare

Curiosità, numeri, statistiche sui Campionati Mondiali di scherma del Cairo che scattano il prossimo 15 luglio.

 

Al Cairo tornano i Campionati Mondiali di scherma dopo 3 anni dall’ultima volta datata 2019. In attesa di conoscere i responsi che darà la pedana (clicca qui per la guida alla manifestazione), facciamo un piccolo viaggio in numeri e statistiche di questa rassegna iridata.

4 – I titoli Mondiali individuali vinti da Olga Kharlan (2013, 2014, 2017, 2019). La sciabolatrice ucraina è l’atleta più titolata in gara al Cairo, precedendo in questa particolare classifica le azzurre Arianna Errigo e Rossella Fiamingo con 2 titoli a testa. La muggiorese ha trionfato nel 2013 e nel 2014, la catanese invece è andata a bersaglio nel 2014 e nel 2015.

7 – Le medaglie vinte dall’Egitto ai Mondiali sino ad oggi. Gli schermidori di casa hanno conquistato soltanto medaglie di bronzo. L’Egitto è, assieme alla Tunisia, la sola nazione africana ad aver messo a referto medaglie mondiali. Per la Tunisia soltanto 4 medaglie, ma di queste una è stata d’argento (Azza Besbes nella sciabola femminile a Lipsia 2017): dato che permette alla nazione tunisina di essere davanti all’Egitto nel medagliere storico complessivo.

12 – Gli atleti in gara al Cairo che possono vantare in bacheca almeno un titolo Mondiale individuale. Di questi, 5 sono italiani: oltre alle già citate Errigo e Fiamingo, ci sono anche Alessio Foconi, Mara Navarria e Alice Volpi, tutti a bersaglio nel 2018 a Wuxi. A loro  si aggiungono Nathalie Moellhausen, Yannick Borel, Gergeli Siklosi, Oh Sanguk, Kim Yunghwan, Andras Szatmari, Enzo Lefort.

198 – Gli iscritti alla prova individuale di spada maschile, la gara con il maggior numero di partecipanti di questi Mondiali del Cairo. Molto partecipata anche la gara di spada femminile, con 169 iscritte. 127 le iscritte alla gara di fioretto, l’evento con minor partecipanit. In mezzo fioretto maschile (165), sciabola maschile (152) e sciabola femminile (139).

307 – Tante sono le medaglie conquistate dall’Italia nelle edizioni sin qui disputate dei Campionati Mondiali di scherma. Di queste 102 sono d’oro, 85 d’argento e 102 di bronzo. Agli ultimi Mondiali di Budapest 2019, la delegazione azzurra ha conquistato 8 medaglie con 1 argento e 7 bronzi senza alcuna medaglia d’oro. L’ultima volta che l’Italia ha chiuso un Mondiale senza alcun titolo è stata nel 1987 a Losanna.

1949 – A quest’anno risale l’unico precedente di un Campionato Mondiale di scherma disputato al Cairo. Allora vennero assegnati 7 titoli (6 al maschile e soltanto il fioretto individuale al femminile), con l’Italia che portò a casa cinque ori, due argenti e quattro bronzi sbancando il medagliere. Gli unici due titoli non vinti da atleti italiani furono appannaggio di Christian D’Oriola (fioretto maschile individuale) ed Ellen Preis (fioretto femminile individuale).

1968 – L’anno di nascita di Dorothea Tanzmeister. La sciabolatrice austriaca è l’atleta più esperta in gara a questi mondiali. Schermitrice poliedrica, nel circuito Master si disimpegna agevolmente e con ottimi risultati in tutte e tre le armi. Agli ultimi Europei di Antalya ha chiuso al quarantesimo posto, passando il taglio della fase a gironi e perdendo per 15-5 contro Martina Criscio.

Twitter: agenna85

Pianeta Scherma sui socialInstagram, TelegramFacebook

Foto Bizzi

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.