Clamoroso (ma non troppo) al Cairo! Misaki Emura campionessa del Mondo nella sciabola femminile

Scherma - Sciabola femminile, Misaki Emura campionessa del Mondo

Battuta in finale Anna Bashta, oro alla giapponese. Bronzo per Navarro e Georgiadou. Buona prova di Criscio, Greogorio e Passaro che però non basta per entrare nelle otto.

 

Le misure ad Anna Bashta, Misaki Emura, le aveva già prese lo scorso maggio a Padova, nell’inedito Luxardo al femminile. Allora si impose l’azera di Russia, lanciata cacciatrice di vittorie nella sua miglior stagione della carriera. Questa volta, quando la posta in palio è salita alle stelle, la giapponese è stata più fredda e più cinica dell’avversaria, chiudendo in vantaggio minimo la prima parte di una finale molto equilibrata quindi scattando meglio dai blocchi dopo il minuto di pausa. Chiudendo ogni discorso sul 15-10 prima di lasciarsi andare a un’esultanza molto composta e condita da qualche inevitabile lacrima di commozione.

Pronostico rispettato – Assenti le russe e in contumacia di Manon Brunet, fermata dalla spalla prima degli Europei, il pronostico della vigilia non poteva che ricadere sulle due che poi si sono trovate in finale. Le due macinano avversarie su avversarie e si danno appuntamento all’atto decisivo. In mezzo, una gara pazza in cui le carte si mischiano turno dopo turno e in cui purtroppo le quattro azzurre riescono a giocare solo in parte le loro chances sul tavolo. Sul podio ci arrivano la greca Despina Georgiadou e la spagnola Araceli Navarro, che regala anche al suo paese una prima volta in zona medaglie nella sciabola al femminile.

Equilibrio – L’inizio della finale è all’insegna del più assoluto equilibrio. Anna Bashta, che sino a quel momento non aveva quasi avuto avversarie sulla sua strada, non riesce a imporre la sua solita azione. Ne nasce un botta e risposta punto a punto, con il punteggio che recita 8-7 per la nipponica a metà del match. Diverso il discorso nella seconda parte, con Emura che scappa via minando le certezze dell’avversaria e va a chiudere sul 15-10.

Leggi anche: La Guerra, una foto e una sfida che forse non rivedremo mai più

Buona Italia ma solo a sprazzi – Per le azzurre si rinnovano ancora le difficoltà a livello individuale già viste, con qualche eccezione, nel corso della stagione di Coppa del Mondo. Le ragazze di Nicola Zanotti si sono accese solo a sprazzi, mostrando belle cose come la vittoria di Martina Criscio su Olga Kharlan nel tabellone delle 32 e la prova tutto sommato positiva dell’esordiente Eloisa Passaro, che si gioca fino all’ultimo l’accesso fra le prime contro la greca Gkountoura. A un passo dalla finale a otto, al pari delle colleghe, si ferma anche una Rossella Gregorio tutto cuore che incappa nella francese Sarah Noutcha, impostasi 15-14. Stop nel tabellone delle 32 per Michela Battiston che, dopo aver rischiato grosso nel primo turno contro la non irresistibile Dayibekova, viene travolta dalla greca Georgiadou.

Classifica – 1. Misaki Emura (Jpn), 2. Anna Bashta (Aze), 3. Despina Georgiadou (Gre), 3. Araceli Navarro (Esp), 5. Theodora Gkountoura (Gre), 6. Lucia Martin Portugues (Esp), 7. Sarah Noutcha (Fra), 8. Larissa Eifler (Ger)

Twitter: agenna85

Pianeta Scherma sui socialInstagram, TelegramFacebook

Foto Bizzi

One thought on “Clamoroso (ma non troppo) al Cairo! Misaki Emura campionessa del Mondo nella sciabola femminile

  1. Fatico a comprendere :
    A) spadisti male, deludenti.
    B) buona prova delle sciabolatrici .

    I risultati a livello individuale quasi identici.
    Titoli e commenti negativi per spadisti e positivi per sciabolatrici .
    Boh ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.