Italia, la strada per Parigi passa da Cracovia

Scherma - L'Italia attesa dagli Europei a squadre di Cracovia

In Polonia si completa il Campionato Europeo con le fondamentali prove a squadre che mettono in palio punti per Parigi 2024. Uno snodo cruciale in attesa dell’evento clou, Milano 2023.

 

C’è clima di festa a Cracovia. Gli Europena Games, sorta di mini olimpiade del vecchi continente, è ormai in pieno svolgimento da tre giorni e la città polacca è una festosa arena sportiva a tutto tondo. Nel villaggio che ospita gli atleti, gli azzurri della scherma si preparano a tre giorni di fuoco fra il 28 e il 30 giugno, quando la seconda parte di questo strano Europeo metterà in palio sì i titoli continentali, ma soprattutto punti fondamentali per la corsa a Parigi 2024. I singoli campionati zonali, andati in archivio in questi giorni, hanno già emesso i loro verdetti e dato nuove fisionomie alle classifiche in attesa che anche nel Vecchio Continente ci si possa allineare coi punteggi. Con Milano sempre più all’orizzonte, Cracovia diventa quindi uno snodo fondamentale per poter arrivare all’appuntamento più atteso della stagione nella miglior posizione possibile per provare, se non a chiudere il discorso, quantomeno a mettere una più che seria ipoteca sulla questione qualificazione a Parigi già all’ombra del Duomo.

Le prove individuali di Plovdiv, con il loro carico di 10 medaglie e tanti record sbriciolati,  hanno dato entusiasmo e detto che l’Italia è presente e sul pezzo. Ma adesso si riparte da 0, perché come tutti gli sport insegnano, ogni gara è storia a se stante. La concorrenza è agguerrita e ha voglia di rivincita, senza contare che qualche insospettabile della vigilia si veda ad esempio la Francia della sciabola femminile e della spada maschile deve rimettere in carreggiata un inizio di percorso più difficile del previsto. Parola d’ordine, quindi, resettare tutto e disputare al meglio tutte e sei le gare: chi per consolidare posizioni già ottime chi invece per rifarsi di una partenza più difficoltosa del previsto. Poche le novità rispetto a Plovdiv: Tommaso Marini si riprende il suo posto in squadra dopo che in Bulgaria Guillaume Bianchi non ne aveva fatto sentire l’assenza mentre il marchigiano era alle prese con lo smaltimento di un infortunio alla spalla, mentre nella spada rientra in squadra Andrea Santarelli al posto di Valerio Cuomo. Cambio dell’ultimo minuto nella sciabola, con Michela Battiston fermata da un fastidio alla caviglia e che lascia il posto ad Eloisa Passaro.

Prima però c’è da onorare l’impegno delle prove individuali a Cracovia. Depotenziate del loro valore di Campionato Europeo e senza assegnazione dei punti, le gare in programma a partire da domenica 25 giugno e fino a martedì 27 saranno affrontati dall’Italia a ranghi ridotti ma con l’obiettivo di fare il meglio possibile. Prima di tuffarsi in picchiata in tre giorni che possono valere molto di più di “semplici” medaglie Continentali.

Twitter: agenna85

Pianeta Scherma sui socialInstagram, TelegramFacebook

Foto Augusto Bizzi