Cancellati i Campionati Mondiali Cadetti e Giovani di Salt Lake City 2020, l’Italia chiude la stagione di Coppa del Mondo Under 20 con sette titoli

 

Difficilmente si poteva sperare in un esito diverso, ma da adesso ci sono i crismi dell’ufficialità: i Campionati Mondiali Cadetti e Giovani di Salt Lake City sono stati cancellati. Impossibile garantire tutte le misure di sicurezza per la disputa delle gare là dove il Coronavirus ha colpito più duramente.

Originariamente previsti per il mese di aprile, dopo il blocco di tutte le gare internazionali lo scorso marzo si era pensato di poter recuperare la kermesse iridata nel mese di ottobre. Ma l’attuale situazione sanitaria alla fine ha reso inevitabile la decisione di cancellarla definitivamente, lasciando così vacanti i troni 2020 della scherma giovanile.

Essendo stati cancellati i Mondiali Cadetti e Giovani, restano di fatto congelate le classifiche di categoria. In particolare, nelle classifiche individuali di Coppa del Mondo Under 20, l’Italia si porta a casa la vittoria in cinque delle sei armi. A festeggiare sono Martina Favaretto (fioretto femminile), Benedetta Taricco (sciabola femminile), Luca Fioretto (sciabola maschile), Gaia Traditi (spada femminile) e Giulio Gaetani (spada maschile).

Nel fioretto maschile la vittoria è appannaggio del russo Kiril Borodachev, ma l’Italia si aggiudica il primo posto finale nella classifica a squadre. Medesimo risultato anche per la squadra di sciabola maschile.

Pianeta Scherma sui socialInstagram, TelegramFacebook

Foto Bizzi

Sciabola maschile, il messaggio del presidente scarso agli azzurri in ritiro

 

Continuano le visite del Presidente Federale Giorgio Scarso nei vari ritiri delle Nazionali Azzurre dopo la ripartenza della settimana scorsa. E così, dopo il saluto portato nella giornata di ieri ai fiorettisti in raduno a Tirrenia, oggi il massimo dirigente Federale è stato al CPO “Giulio Onesti” di Roma dove si sono ritrovati i ragazzi della sciabola maschile.

«Come ho già sottolineato alle sciabolatrici ed ai fiorettisti» ha detto Scarso  «i vostri allenamenti collegiali hanno un valore che va al di là di quello strettamente tecnico. Rappresentano il simbolo della ripartenza, della ripresa e della prospettiva verso il futuro che, ovviamente, è innanzitutto quello olimpico».

Lo stesso Scarso ha poi voluto sottolineare l’importanza anche e soprattutto simbolica di questo ritiro della sciabola maschile e del luogo in cui è ospitato: «Non è un caso, inoltre, che abbiamo scelto i Centri di Preparazione Olimpica CONI come sede di questi ritiri. Questo è l’habitat naturale della scherma e mai come in questo periodo anche i simboli sono importanti. A voi spetta il compito di segnare la strada per la ripartenza di tutto il nostro movimento»

Pianeta Scherma sui socialInstagram, TelegramFacebook

Foto Federscherma

 

Al via i ritiri delle nazionali di fioretto maschile, sciabola maschile e spada maschile

 

Continua l’operazione ripartenza per le nazionali di scherma italiane: chiuso quello della sciabola femminile, a cominciare i rispettivi ritiri sono stati le nazionali di fioretto, sciabola e spada maschile.

Sciabolatori e spadisti si sono ritrovati rispettivamente all’Acqua Acetosa di Roma e al CPO di Formia, mentre i fiorettisti si sono ritrovati a Tirrenia. E proprio i ragazzi di Andrea Cipressa hanno ricevuto in giornata la visita del presidente della Federazione Italiana Scherma Giorgio Scarso.

«Ritrovarvi in ritiro è un segnale positivo che viene lanciato a tutto il mondo della scherma italiana»  ha detto Scarso  «Abbiamo tutti vissuto un periodo complesso ed intenso, ma adesso si torna in pedana». Lo stesso massimo dirigente federale ha parlato del futuro, fra incertezza e l’obiettivo Tokyo: «Sarete chiamati ad un percorso nuovo che ancora non è del tutto noto, soprattutto per ciò che concerne la strada verso Tokyo2020, ma da allenamenti come questi si dovrà tornare a seminare per poi raccogliere i frutti».

Come già fatto con le ragazze della sciabola, nei prossimi giorni il Presidente Scarso si recherà per i saluti di rito anche nei ritiri delle nazionali di spada e sciabola maschile.

Pianeta Scherma sui socialInstagram, TelegramFacebook

Foto Federscherma

Aggiornato il protocollo federale, da lunedì 25 si potrà tornare a fare gli assalti a ogni livello

 

A far data dal prossimo 25 giugno sarà possibile la ripresa di tutti gli sport di contatto, scherma compresa: via libera, quindi, anche agli assalti in pedana e agli esercizi in coppia.  Il provvedimento non riguarda più soltanto gli atleti di interesse nazionale, ma tutti i livelli e le età.

La ripresa dell’attività schermistica è però subordinata ai provvedimenti di ciascuna regione e all’evolversi della situazione epidemiologica nei singoli territori nazionali. Restano ovviamente in vigore tutti i precedenti provvedimenti in fatto di sicurezza, igiene e mantenimento delle distanze all’interno delle palestre e delle sale.

«A far data dal giorno 25 giugno» si legge nel Protocollo federale «dopo apposito provvedimento da parte delle Regioni o Province autonome che autorizzi pienamente anche la pratica degli sport di contatto a seguito di “preventivo accertamento della compatibilità delle suddette attività l’andamento della situazione epidemiologica” del territorio, sarà libera per tutti gli atleti, agonisti e non, la pratica dello sport della scherma nella sua interezza inclusi gli assalti e gli esercizi a coppie».

Dopo la ripartenza delle varie nazionali, “inaugurata” dal raduno delle sciabolatrici, ecco un altro piccolo grande passo verso la tanto sospirata normalità con la ripresa degli assalti.

Pianeta Scherma sui socialInstagram, TelegramFacebook

Foto Bizzi

Il Presidente Scarso incontra la Nazionale di sciabola femminile: «Siete l’avamposto dell’auspicata normalità»

 

Il presidente della Federazione Italiana Scherma Giorgio Scarso ha fatto visita alla nazionale di sciabola femminile in ritiro da lunedì all’Acqua Acetosa di Roma. Le ragazze di Sirovich sono state le prime a riunirsi a seguito del lungo periodo di stop a causa del dilagare del Coronavirus e saranno a Roma fino domani, venerdì 19 giugno.

«Voi siete l’avamposto di una normalità a lungo auspicata e verso la quale ci stiamo muovendo» ha detto Scarso parlando alle ragazze e allo staff tecnico impegnato in questi giorni. All’orizzonte una stagione stravolta rispetto alle calendarizzazioni tradizionali, con culmine estivo nei Giochi Olimpici di Tokyo nel 2021. E proprio in ottica futura ha parlato il presidente della Federscherma: «L’orizzonte olimpico di Tokyo2020, con il pass di qualificazione meritoriamente conquistato, dovrà essere l’obiettivo finale ma bisognerà lavorare parecchio per giungervi al meglio. La Federazione sarà al vostro fianco lungo questa strada verso il Sol Levante, assicurando anche il recepimento di quelle istanze che voi ed i vostri tecnici vorrete eventualmente avanzare. E’ un gioco di squadra in cui ciascuno dovrà fare la propria parte».

Nel corso dell’incontro con le ragazze della nazionale di sciabola femminile, Giorgio Scarso ha poi spiegato che sarà sua premura incontrare tutte le Nazionali in ogni ritiro. I prossimi a radunarsi saranno gli sciabolatori, che si troveranno a partire da lunedì 22 giugno sempre a Roma.

Pianeta Scherma sui socialInstagram, TelegramFacebook

Foto Federscherma

Da oggi e fino a venerdì il collegiale della sciabola femminile a Roma: la scherma azzurra riparte ufficialmente dopo il Coronavirus

 

La scherma azzurra riparte ufficialmente oggi con il collegiale a Roma della sciabola femminile. Dodici atlete, agli ordini del ct Sirovich, si sono ritrovate oggi al Centro di Preparazione Olimpica del Coni all’Acqua Acetosa per un primo timido ritorno alla normalità dopo l’emergenza Coronavirus.

Malgrado la fine ufficiale della stagione nazionale, sancita nei giorni scorsi in maniera ufficiale, e l’incertezza legata alla ripresa dell’attività agonistica internazionale, il ritorno a riunirsi è importante per cominciare a togliere la ruggine del lungo stop e cominciare a lavorare in ottica Tokyo, appuntamento clou dell’estate 2021 dopo il rinvio dei Giochi.

Da oggi e fino a venerdì, data di fine del collegiale della sciabola femminile, le atlete dovranno però seguire rigidi protocolli. Permane il divieto di svolgere assalti, mentre dovranno essere osservate le norme di distanziamento. Inoltre sarà obbligatorio indossare la mascherina nelle aree comuni.

«Si tratta di ritiri che assumono un valore elevato in termini di importanza, perché rappresentano l’occasione per ritrovarsi come squadra e come gruppo». Così nei giorni scorsi si era espresso il ct Giovanni Sirovich a proposito della ripresa delle attività. Clicca qui per leggere le parole dei ct  alla vigilia della ripartenza.

Pianeta Scherma sui socialInstagram, TelegramFacebook

Foto Bizzi

La Federazione Italiana Scherma festeggia 111 anni di vita, su Federscherma TV una programmazione speciale

 

Dopo quella offerta lo scorso 25 maggio in occasione del Mangiarotti Day, torna su Federscherma TV una giornata di programmazione speciale per celebrare una ricorrenza speciale: i 111 anni di vita della Federazione Italiana Scherma.

La FIS è infatti nata ufficialmente il 3 giugno del 1909 e attualmente rappresenta la Federazione che ha portato più medaglie al Comitato Olimpico Italiano. Non essendo possibile festeggiare la ricorrenza dal vivo, Federscherma TV ha predisposto una programmazione interamente dedicata al compleanno numero 111, da celebrarsi con una lunghissima diretta – “Buon compleanno FIS” –  tramite la quale ripercorrere la gloriosa storia della scherma italiana.

Nel corso della trasmissione interverranno tantissimi protagonisti della pedana di oggi e di ieri, ma anche chi, lasciata la scherma, ha intrapreso con egual successo un altro percorso professionale. “Buon compleanno FIS” sarà il nucleo centrale di una programmazione che scatta alle ore 10.00 con una rassegna stampa che andrà a ripercorrere i 111 anni di storia attraverso le pagine dei giornali sportivi.

Alle 20.00, dopo i messaggi istituzionali, ci sarà la premiazione del concorso letterario “Il mio primo GPG” che ha coinvolto under14 ed over14 nella redazione di testi che racchiudono i ricordi e le emozioni della prima volta sulle pedane del Gran Premio Giovanissimi “Renzo Nostini”.

Di seguito il palinsesto della giornata di mercoledì 3 giugno:

9.00 – 56° Gran Premio Giovanissimi “Renzo Nostini” – Fasi finali Fioretto maschile Giovanissimi

10.00 – Rassegna Stampa

10.30 – BUON COMPLEANNO FIS – 1° parte

12.00 – Convegno “Nessuno come noi: la scherma ieri, oggi e domani”

16.00 – BUON COMPLEANNO FIS – 2° parte

18.00 – TG Flash

18.20 – Campionati Italiani Palermo2019 – Finali I Giornata

20.00 – BUON COMPLEANNO FIS – 3° parte

Pianeta Scherma sui socialInstagram, TelegramFacebook

Foto Federazione Italiana Scherma/Federscherma TV