Bebe Vio: “Ho rischiato l’amputazione del braccio sinistro e la morte, questa medaglia è un miracolo”

Commentando all’inviato de “La Stampa” la sua vittoria nella gara di fioretto femminile, Bebe Vio racconta un retroscena dello scorso aprile e di un’infezione batterica che ha rischiato non solo di compromettere le Paralimpiadi ma di avere conseguenze letali. Continue reading

Bebe Vio: “Niente sciabola per me, spero di potervi dare spiegazioni”

 

Bebe Vio è fra le protagoniste più attese di questa paralimpiade, con la fuoriclasse di Mogliano Veneto che sarebbe dovuta essere in gara tanto nella sciabola quanto nel fioretto. Per lei ci saranno invece soltanto le gare di fioretto, in programma il 28 e il 29 agosto. Lo ha spiegato in un video pubblicato sui propri canali social la stessa azzurra, che però non ha chiarito le motivazioni del suo forfait nelle prove di oggi.

“Purtroppo niente gara di sciabola… questa volta va così” ha scritto Bebe Vio “Spero di potervi dare spiegazioni dopo le gare. Grazie a tutti quelli che hanno creduto in me e in questa missione non impossibile ma solo rimandata”.

Bebe ha comunque voluto ringraziare pubblicamente Marco Ciari, ct della sciabola azzurra, per aver creduto in lei per queste sfida e averla portata a migliorarsi tantissimo anche in un’arma iniziata da poco tempo. Ora non resta che attendere qualche giorno per sapere qualcosa di più, ma prima per la campionessa azzurra ci sono due date già segnate con il proverbiale circoletto rosso.

Pianeta Scherma sui socialInstagram, TelegramFacebook

Foto Augusto Bizzi

Bebe Vio: “Sotto la maschera da scherma avrò tutto il mio Mondo”

 

In attesa di guidare la delegazione azzurra nella cerimonia di apertura e di scendere in pedana a caccia di medaglie, Bebe Vio è stata ospite assieme ad altre star dello sport paralimpico alla conferenza stampa pre-Giochi organizzata dall’IPC, il Comitato Paralimpico Internazionale.

La fuoriclasse azzurra, vera e propria icona mondiale dello sport, ha parlato della strana sensazione che proverà gareggiando senza pubblico: “Ci mancherà tanto” ha detto la campionessa paralimpica in carica del fioretto femminile “Ma nel mio caso tiro di scherma, e quando indosso la maschera sono nel mio mondo. Lì scelgo chi c’è dentro la mia maschera. Quindi, con me, ci saranno la mia famiglia e i miei compagni di squadra”.

Nel corso del suo intervento Bebe Vio ha poi rivolto un appello e un augurio di buon lavoro a chi, queste Paralimpiadi, sarà chiamato a raccontarle e a trasmetterne le emozioni: “Tutti gli appassionati di sport ci saranno comunque, perché guarderanno le Paralimpiadi da casa grazie al lavoro della comunicazione. Quindi, ragazzi, buona fortuna perché la vostra opera sarà fondamentale”.

Assieme alla Vio, erano presenti alla conferenza il campione tedesco di salto in lungo Markus Rehm, la pesista messicana Amalia Perez l’arciere statunitense Matt Stutzman, la nuotatrice ugandese Husnah Kukundakwe e l’atleta giapponese di taekwondo Shoko Ota.

Pianeta Scherma sui socialInstagram, TelegramFacebook

Foto Bizzi

Giochi Paralimpici Tokyo 2020: gli otto azzurri in gara nella scherma

Gli otto azzurri in gara nelle competizioni di scherma ai Giochi Paralimpici di Tokyo 2020. Fra debuttanti e veterani. Continue reading

Bebe, Edoardo Giordan ed Emanuele Lambertini fra protagonisti di “I Fantastici” su Rai Play

 

Una serie esclusiva Rai Play per conoscere storie, sogni e attese degli azzurri che, fra poco meno di tre settimane, saranno protagonisti dei Giochi Paralimpici di Tokyo 2020: si chiama  “I Fantastici – fly2tokyo”, undici puntate per altrettanti atleti che si apprestano a volare verso il Giappone.

Fra i protagonisti, anche gli azzurri della scherma. Ovviamente non poteva mancare Beatrice Vio, che a Tokyo sarà portabandiera. Con lei anche Edoardo Giordan ed Emanuele Lambertini. E proprio Bebe è l’ideatrice del progetto, il primo prodotto originale Rai dedicato alla disabilità nel mondo dello sport.

“I Fantastici – fly2tokyo” sarà disponibile su Rai Play a partire da venerdì 6 agosto. Quanto alle gare di scherma paralimpica, esse disputeranno fra il 25 e il 29 agosto. Oltre a Bebe, Giordan e Lambertini, a Tokyo saranno in pedana anche Rossana Pasquino, Andreea Mogos, Loredana Trigilia, Marco Cima e Matteo Betti.

Pianeta Scherma sui socialInstagram, TelegramFacebook

 

Il Presidente Mattarella ha consegnato il Tricolore ai portabandiera di Tokyo al Qurinale

 

Tanta emozione per una nutrita delegazione di atleti Azzurri in partenza per i Giochi Olimpici e i Giochi Paralimpici di Tokyo, che oggi al Quirinale ha incontrato il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Culmine dell’evento, la consegna da parte del Capo dello Stato del Tricolore che sarà portato dai portabandiera Azzurri nelle cerimonie di apertura delle due kermesse.

Presenti anche alcuni dei 24 azzurri selezionati per le gare a Cinque Cerchi: da Gabriele Cimini a Marco Fichera, passando per Luca Curatoli, Aldo Montano, Michela Battiston. Non poteva mancare nemmeno Beatrice Vio, scelta assieme a Federico Morlacchi come portabandiera per la cerimonia di apertura dei Giochi Paralimpici previsti a fine agosto.

“Sono molto emozionata” ha detto la stessa Bebe al momento di ricevere il Tricolore “Questa bandiera rappresenta un onore immenso, qualcosa di magico. È la bellezza del nostro Paese e la fortuna di farne parte, la squadra pazzesca che abbiamo dimostrato di essere in questi anni. Rappresenta la maglia azzurra che ho avuto a 14 anni, l’inno di Mameli che è la mia ‘canzone’ preferita e mi fa piangere ogni volta. Per me rappresenta Alex perché la prima paralimpiade l’ho fatta con lui ed è stato stupendo. Rappresenta le medaglie del passato, il sogno di una bambina e il desiderio di chi in futuro sarà qui al posto mio. Potervi rappresentare sarà l’emozione più grande della mia vita”.

Portabandiera per le Olimpiadi saranno invece Jessica Rossi, Olimpionica nel tiro a volo a Londra 2012, ed Elia Viviani. Quest’ultimo è stato campione Olimpico nella Omnium di ciclismo su pista cinque anni fa a Rio.

Pianeta Scherma sui socialInstagram, TelegramFacebook

Foto Bizzi

Giochi Paralimpici Tokyo: Bebe Vio portabandiera azzurra assieme a Federico Morlacchi

 

Bebe Vio portabandiera azzurra alle prossime Paralimpiadi di Tokyo. Con lei, in continuità con quanto fatto per le Olimpiadi con la scelta di Jessica Rossi ed Elia Viviani, ci sarà il fuoriclasse del nuoto Federico Morlacchi. La decisione è stata comunicata oggi da Luca Pancalli, presidente del Comitato Paralimpico Italiano, al termine della riunione della giunta CIP.

“Sono felicissima, è un sogno che diventa realtà. Una figata pazzesca – ha commentato Bebe Vio all’agenzia Italpress – Ho sempre dato il massimo per realizzare questo desiderio che coltivo sin da Londra 2012. Spero in questo modo di poter ispirare tante bambine e tanti bambini che vogliono cominciare un percorso nello sport paralimpico. A loro voglio dire: se hai una buona squadra e un sogno nel cassetto puoi raggiungere qualsiasi obiettivo”.

La fuoriclasse della scherma in carrozzina, che a Tokyo sarà in gara tanto nella sciabola quanto nel fioretto, è stata medaglia d’oro cinque anni fa a Rio proprio nel fioretto individuale, oltre che bronzo a squadre assieme a Loredana Triglia e Andreea Mogos. Per Bebe Vio ora la soddisfazione della nomina a portabandiera e di guidare la sfilata degli azzurri nell’appuntamento più sentito. E di farlo affianco a un’altra autentica icona dello sport paralimpico azzurro come Federico Morlacchi.

Pianeta Scherma sui socialInstagram, TelegramFacebook

Foto Bizzi