Coronavirus: tre atleti coreani positivi al tampone al ritorno dal Grand Prix di spada a Budapest

 

Tre atleti della nazionale coreana di spada sarebbero risultati positivi al tampone per il Coronavirus al loro ritorno dal Grand Prix di Budapest disputatosi a inizio marzo. A renderlo noto è l’agenzia di stampa coreana Yonhap News Agency. Non è stata resa nota l’identità degli atleti coinvolti ma l’agenzia parla di un’atleta di 25 anni (che durante il soggiorno in Europa aveva denunciato problemi alla gola) e altri due, non specificando questa volta sesso ed età. Tutti sono risultati positivi.

Al momento, quindi, sono tre i casi ufficialmente acclarati di positività al Coronavirus in seno alla squadra coreana. Tutti e 26 i componenti della delegazione coreana volata a Budapest per il Grand Prix hanno poi affrontato il test del tampone. Per loro è ovviamente già scattato il periodo di isolamento e quarantena nelle rispettive abitazioni in attesa del risultati.

Non sono purtroppo da escludere altri casi di contagio, come riporta sempre Yonhap citando una fonte della Federazione Coreana di Scherma: «Sono decisamente spaventati dal fatto che ci possano essere altri casi confermati nella squadra».

Pianeta Scherma sui socialInstagram, TelegramFacebook

 

Lipsia 2017: la Corea per i Mondiali

 

Saranno 24 i tiratori coreani in pedana nei prossimi Mondiali di scherma a Lipsia. Sciabola maschile e spada maschile gli indiziati principali per la medaglia, ma la formazione asiatica ha carte da giocare in tutte le gare del programma iridato.

Di seguito l’elenco completo dei convocati:

Fioretto femminile: Hong Seo In, Jeon Hee Sook, Kim Mina, Nam Hyunee

Fioretto maschile: Ha Taegyu, Heo Jun, Lee Kwangyun, Son Young Ki

Sciabola femminile: Hwang Seona, Kim Jiyeon, Seo Jiyeon, Yoon Jisu

Sciabola maschile: Gu Bongil, Kim Junghwan, Kim Junho, Sanguk Oh

Spada femminile: Choi Injeong, Kang Young Mi, Shan A Lam, Song Sera

Spada maschile: Jung Jinsun, Kweon Younjun, Park Kyungdoo, Park Sangyong

Pianeta Scherma su Twitter

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia di Augusto Bizzi/Fie