Road to Tokyo: il punto sulle qualificazioni Olimpiche in attesa della nuova stagione

Già completa la griglia delle squadre per il fioretto femminile e maschile, restano da completare le qualifiche individuali. Il punto della situazione arma per arma sul percorso di qualificazione della scherma alle Olimpiadi di Tokyo

Continue reading

Il CIO procede spedito verso Tokyo 2021: «Con o senza Covid, i Giochi verranno disputati»

 

A dieci mesi dal via dei Giochi Olimpici di Tokyo, posticipati al 2021 a causa della pandemia da Covid-19, arrivano dal CIO segnali di deciso ottimismo per la disputa della manifestazione a Cinque Cerchi. A confermarne lo svolgimento è stato in mattinata John Coates, presidente della Commissione di coordinamento di Tokyo 2020 e vicepresidente del Comitato Olimpico Internazionale.

«Con o senza Covid i Giochi si svolgeranno e inizieranno il 23 luglio, saranno la luce dopo il tunnel. Prima del coronavirus il presidente Bach aveva dichiarato che questi erano i Giochi meglio organizzati della storia. Tutto va bene». Queste le parole dello stesso Coates rilasciate all’agenzia AFP. Una presa di posizione netta e decisa che, almeno al momento, sembra spazzare via del tutto l’ombra di dubbi che si era addensata sui Giochi Olimpici di Tokyo 2021, fra incertezza per l’evoluzione della pandemia e il sempre minor entusiasmo della popolazione nipponica di fronte all’idea di ospitare la massima kermesse sportiva Mondiale.

Via confermato per il 23 luglio 2021, quindi, con le gare di scherma che, ricordiamo, si svolgeranno dal 24 luglio all’1 di agosto (clicca qui per il programma completo). Italia e Stati Uniti al momento sono le uniche due Nazioni ad avere qualificato tutte e 6 le squadre.

Pianeta Scherma sui socialInstagram, TelegramFacebook

Paolo Pizzo rilancia verso Tokyo 2021: «Voglio buttarmi ancora nella mischia!»

In un’intervista concessa a Meridionews.it, Paolo Pizzo racconta il suo progetto di tornare a dire la sua in pedana dopo il ritiro annunciato lo scorso anno. Sempre però tenendo la famiglia al primo posto delle sue priorità. Continue reading

“Fencing for Glory”: lo spadista giapponese Minobe Kazuyasu è il protagonista del secondo episodio

 

Dopo il primo episodio dedicato alla sciabolatrice Olga Kharlan, esce oggi il secondo episodio della miniserie di documentari prodotti dalla FIE dal titolo “Fencing for Glory” con protagonista lo spadista giapponese Minobe Kazuyasu.

Il nipponico classe 1987 a Tokyo è atteso da quella che lui stesso ha definito la gara più importante della sua vita, un’Olimpiade da giocarsi in casa con la speranza di mettere le mani su una medaglia. In carriera, Minobe ha vinto un totale di cinque prove di Coppa del Mondo, portandosi a casa la classifica finale nel 2019. Nell’ultima stagione, che ha visto il successo finale del russo Sergey Bida, ha chiuso all’undicesima piazza.

I prossimi episodi di “Fencing for glory” saranno incentrati sulla nostra Alice Volpi e sulla spadista di Hong Kong Kong Man Wai. Di seguito il video integrale del secondo episodio di “Fencing for glory” con protagonista Minobe Kazuyasu.

Pianeta Scherma sui socialInstagram, TelegramFacebook

Foto Bizzi

 

La scoperta di un vaccino contro il Coronavirus decisiva per il via libera alle Olimpiadi di Tokyo

 

La scoperta di un vaccino contro il Coronavirus sarà uno dei passaggi chiave perché il prossimo 23 luglio 2021 possano partire le Olimpiadi di Tokyo (clicca qui per il calendario della scherma).  A parlare così, alla vigilia di quella che sarebbe dovuta essere la partenza ufficiale dell’Olimpiade giapponese, è stato Mori Yoshiro, capo del comitato Organizzatore.

«Lo sviluppo di un vaccino o di un medicinale contro il nuovo Coronavirus sarà un elemento fondamentale per consentire alle Olimpiadi 2020 di Tokyo, posticipate di un anno, di poter partire il 23 luglio 2021». Queste le parole, riportate dall’Ansa, dello stesso Mori, che ha poi escluso possibili soluzioni alternative paventate nei giorni addietro, come le porte chiuse o un numero di spettatori ridotto.

Sembra davvero senza fine il travaglio di questa edizione dei Giochi, su cui sembrano allargarsi altre ombre anche se al momento non è possibile fare previsioni precise in merito. Ha detto ancora Mori: «Se la situazione continua così com’è al momento, non saremo in grado di organizzare i Giochi. Non riesco a immaginare che la situazione di quest’anno possa continuare anche il prossimo anno».

Come detto, scartata l’ipotesi porte chiuse: «Se risultasse l’unica alternativa, allora dovremo pensare di considerare anche la cancellazione». A creare ulteriore pessimismo attorno ai Giochi di Tokyo, anche la sempre minor convinzione ed entusiasmo della popolazione locale: secondo un recente sondaggio (fonte: Kyodo News), infatti, soltanto un giapponese su quattro sarebbe favorevole alla disputa il prossimo anno, mentre la maggioranza premerebbe per un ulteriore rinvio se non la cancellazione.

Pianeta Scherma sui socialInstagram, TelegramFacebook