Giulia Rizzi: “Mi sono divertita e sono felice per il risultato finale”

 

Parola d’ordine, divertirsi. E se divertendosi arriva pure il titolo italiano nella spada femminile, allora Giulia Rizzi ha veramente di che essere contenta al termine della lunghissima gara di Cassino. “Ho tirato libera, mi sono divertita e sono stata davvero felice per il risultato finale” ha detto la friulana nelle consuete dichiarazioni a caldo rilasciate a Federscherma TV appena dopo il termine della finale contro Rossella Fiamingo “Mi ero fissata l’obiettivo di entrare tra le prime otto e poi divertirmi. È andata benissimo a partire dal girone, quando ho cominciato a ingranare, a provare delle ottime sensazioni fisiche e mentali che mi hanno condotto sino in fondo”.

Sul match decisivo per l’assegnazione del titolo, così si è espressa Giulia Rizzi: “Con Rossella soffro spesso quando sono in vantaggio, lei è bravissima a recuperare. Quando ha portato il match in parità è scattato qualcosa e mi sono detta che dovevo reagire e vincere io.”

La chiosa è riservata a quel che porta a casa da questa gara: “Questo titolo italiano dà sicuramente nuove consapevolezze. Mi sento in ottima forma fisica e credo di essere ancora competitiva. Nella spada si matura un po’ più tardi e ora mi sento davvero pronta per tirare ancora a ottimi livelli”

Pianeta Scherma sui socialInstagram, TelegramFacebook

Foto Bizzi

Giulia Rizzi operata al gomito. In pedana tra tre mesi

Operazione al gomito perfettamente riuscita per Giulia Rizzi. La spadista azzurra ha convissuto tutta la stagione con una dolorosa epicondilite al gomito destro, quello del braccio armato, ed è stata sottoposta a intervento chirurgico dal dottor Riccardo Foti, medico della Nazionale che ha già operato nel mese di marzo Paolo Pizzo per un problema analogo. L’intervento chirurgico è stato effettuato la sera del 2 agosto alla Clinica Villa Mafalda di Roma.

Ora per la Rizzi si prevede un periodo di riposo che precederà la rimozione del tutore e l’inizio della fisioterapia previsto entro i prossimi 20 giorni. I tempi di recupero dovrebbero aggirarsi attorno ai tre mesi e la speranza è quella di poter tornare in pedana già a Tallinn, per la prima prova di Coppa del Mondo. La prossima stagione sarà infatti fondamentale e l’obiettivo è farsi trovare preparata per l’inizio della qualifica olimpica, ad aprile del 2019.

 

Twitter: GabrieleLippi1