Spada maschile: Francia, e chi se no?

Confermato il predominio nella spada maschile a squadre. Argento all’Estonia , bronzo alla Svizzera.

 

 

La Francia prosegue il proprio predominio ormai consolidato nella spada maschile a squadre conquistando la medaglia d’oro agli Europei di Montreux. in attesa di suggellare il primato ai prossimi Mondiali di Mosca. La recita del quartetto francese (Grumier, Jerent, Robeiri e Gustin) si mantiene lineare su altissimi livelli per tutta la gara, chiudendo il conto in finale (45-32) contro l’Estonia di un super Novosjolov, che in semifinale ha di fatto trascinato la sua squadra alla finalissima con una grande rimonta su Max Heinzer, che ha impedito alla Svizzera di calare il poker agli Europei e per di più sulle pedane di casa a Montreux (42-41 il finale).

Per i beniamini di casa, nel quartetto che oltre ad Heinzer comprendeva Kauter, Steffen e Borsky, sospinti soprattutto nelle finali dal pubblico di Montreux, è arrivata comunque la medaglia di bronzo dopo la vittoria in finale contro l’Ucraina, per un finale di 39-28. Un discorso a parte merita purtroppo la prova dell’Italia, che viceversa prosegue nel momento no che ormai si prolunga da molti mesi: dodicesimo posto per il quartetto azzurro (Garozzo, Pizzo, Fichera e Santarelli), eliminati già al tabellone dei 16 dalla Repubblica Ceca (45-42) per poi scivolare anche negli assalti per la classifica prima contro la Germania e poi contro Israele, fino a chiudere appunto dodicesimi. Un risultato ancora più negativo in ottica qualificazioni olimpiche, che a questo punto mette a ulteriore rischio la possibilità di qualificarsi per Rio 2016.

Al termine della cerimonia di premiazione abbiamo raccolto le dichiarazioni di uno dei quattro “moschettieri” di Francia, il campione del mondo in carica Ulrich Robeiri: «Siamo molto felici, l’obiettivo di oggi era vincere per confermare il nostro momento di forma che dura da tutto l’anno.L’assalto più difficile è stato senza dubbio quello contro l’Ucraina, lì abbiamo rischiato davvero molto. Un segreto della nostra forza? C’è, ma come tutti i segreti non si possono svelare. Ora puntiamo a ripeterci fra un mese a Mosca, vogliamo vincere ancora»

Twitter: MattiaBoretti

Pianeta Scherma su Twitter

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia di Augusto Bizzi per Federscherma

jizzrain.com/vd/2353-video

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.