VIDEO – Le prime dichiarazioni di Paolo Azzi dopo l’elezione a Presidente della Federazione Italiana Scherma

 

Appena dopo il termine dell’Assemblea Elettiva Nazionale che lo ha visto eleggere nuovo Presidente della Federazione Italiana Scherma, Paolo Azzi ha rilasciato un’intervista al canale youtube Federale esprimendo le sue sensazioni a caldo, fra emozioni e voglia di mettersi subito d’impegno e al lavoro.

Ecco le parole di Paolo Azzi.

Pianeta Scherma sui socialInstagram, TelegramFacebook

Foto Bizzi

Federazione Italiana Scherma: eletto il Consiglio Federale per il triennio 2021-2024

Oltre all’elezione di Paolo Azzi come nuovo Presidente, l’Assemblea Elettiva Nazionale di ieri ha portato all’elezione del nuovo consiglio Federeale. Fra i nomi spiccano quelli di Giovanna Trillini e Valerio Aspromonte. Continue reading

La Federazione Italiana Scherma elegge il nuovo Presidente, il 28 febbraio l’Assemblea Elettiva

Paolo Azzi e Michele Maffei i due candidati per la successione a Giorgio Scarso nel ruolo di Presidente della Federazione Italiana Scherma. Domenica 28 febbraio l’assemblea elettiva. Continue reading

Videochiamata a sorpresa con il Campione: “Zoomprise” mette in contatto i giovani schermidori con i propri beniamini

 

Una sorpresa di Natale per gli schemidori in erba, che possono così ricevere gli auguri e una video-chiamata dal loro campione preferito: è questo il senso dell’iniziativa “Zoomprise”, lanciata dalla Federazione Italiana Scherma e Kinder “Joy of Moving”.

Ad essere coinvolti, Valerio Aspromonte, Alice Volpi, Daniele Garozzo, Alessio Foconi, Paolo Pizzo, Bebe Vio e Rossana Pasquino. Con la complicità di Maestri e genitori, i giovani aspiranti campioni sono stati invitati ad accendere la webcam e collegarsi con la piattaforma di video-chiamate diventata ormai parte della nuova routine figlia dell’emergenza. Un’iniziativa divertente, pensata per tenere vivo l’interesse e la passione per la scherma in questo periodo di incertezza, di allenamenti difficoltosi e gare bloccate.

Le varie puntate di “Zoomprise”, saranno trasmesse a partire da domenica 20 dicembre sui canali social della Federazione Italiana Scherma.

Pianeta Scherma sui socialInstagram, TelegramFacebook

Contributi Integrativi 2020, l’amarezza di Scarso dopo il taglio del 33% dei fondi: «Mortificato il ruolo della scherma in Italia»

 

Non ci sta Giorgio Scarso, all’indomani della decisione del CdA di “Sport e Salute” sulla ripartizione dei Contributi Integrativi per il 2020 che ha portato a un taglio di quasi un terzo dei fondi destinati alla Federazione Italiana Scherma. Secondo il massimo dirigente federale italiano questa scelta, tanto per i criteri che l’hanno guidata – ovvero la scelta di nuovi algoritmi che annullano quelli precedenti basati sui successi ottenuti- quanto per i ristretti paletti imposti sull’utilizzo dei fondi, rappresenta una mortificazione del lavoro che la scherma ha fatto per lo sport italiano.

«Accettiamo con il rispetto istituzionale dovuto le scelte della società “Sport e Salute” circa la ripartizione dei Contributi Integrativi 2020» ha commentato Scarso tramite il canale ufficiale della Federazione Italiana Scherma  «ma non possiamo sottacere l’amarezza nel constatare l’adozione di criteri basati solo su parametri matematici e algoritmi non meritocratici che vedono la Federazione Italiana Scherma quale realtà più penalizzata, con un decremento, rispetto al 2019, di oltre mezzo milione di euro, che corrisponde ad una percentuale pari al 33%».

Tanta l’amarezza quindi nella parole di Scarso, che chiosa: «Probabilmente dobbiamo constatare che gli applausi, gli elogi e quegli aggettivi quali “cassaforte dello sport azzurro” che vengono rivolti alla scherma italiana, rappresentano parole di circostanza o peggio ancora di comodo in base alle situazioni».

A finire nel mirino di Scarso anche altri aspetti, a partire dal diktat imposto per l’utilizzo dei fondi, che di fatto azzererebbe l’autonomia decisionale della Federazione. Una vera e propria mortificazione del lavoro nelle parole del Presidente della Federazione Italiana Scherma: «Pur rispettando le decisioni, non possiamo non ritenere preoccupante e mortificante una penalizzazione economica tale, per  una realtà, quella della scherma italiana, che sta continuando, in questa tempesta, a mantenere dritta la barra per seguire la rotta che va verso la direzione della promozione su tutto il territorio della disciplina e dei suoi valori, mantenendo al contempo alta la concentrazione e la tenuta tecnica delle squadre che saranno impegnate ai Giochi di Tokyo, che rappresenta la più importante vetrina promozionale per lo sport e per la scherma italiana».

La speranza è che le cose possano però cambiare già con l’anno prossimo. Per permettere alla Federazione Italiana Scherma di continuare a programmare la propria attività ed evitare ulteriori, sanguinose fughe di prezioso materiale tecnico verso altri lidi.

Pianeta Scherma sui socialInstagram, TelegramFacebook

Foto Bizzi