VIDEO – Olga Kharlan in azione a “Ballando con le stelle ” in Ucraina

 

Back to basics per Olga Kharlan. Lei che prima della scherma aveva praticato la danza, è tornata sulla pista da ballo per prendere parte all’edizione ucraina del celebre talent “Ballando con le stelle”, che qui in Italia aveva visto fra i partecipanti Valerio Aspromonte, Elisa Di Francisca, Margherita Granbassi e Valentina Vezzali.

La quattro volte campionessa del Mondo di sciabola femminile, reduce dalle terribile delusione delle Olimpiadi di Tokyo al seguito della quale ha voluto prendersi un periodo di stacco completo dalla scherma, ha fatto ieri il suo debutto nella prima puntata dello show.

Di seguito il video dell’esibizione di Olga Kharlan a “Ballando con le stelle” Ucraina.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Kharlan Olga (@olgakharlan)

Pianeta Scherma sui socialInstagram, TelegramFacebook

Foto Olga Kharlan/Facebook

Regine senza corona

 

Sei Mondiali, dieci Europei, quarantatré vittorie in Coppa del Mondo. Zero ori olimpici individuali. Rileggere i palmares di Olga Kharlan e Sofya Velikaya, a poche ore dall’ennesimo assalto a Cinque Cerchi andato a vuoto, fa particolarmente impressione. Ed è chiaro che quella cifra, quella geometricamente più tonda di tutte, stoni in mezzo a tutta quella gioielleria. Regine senza corona, così le vediamo adesso, ed è difficile capire se sia più il dolore di Olga per un’eliminazione al primo assalto di giornata inopinata e impronosticabile o quello di Sofya per la terza finale consecutiva persa, da Londra a Tokyo, passando per Rio.

È qualcosa di semplicemente inspiegabile, con i grandi numeri o tutti i bei discorsi sulla pressione. Di vedere la Kharlan crollare così contro un’avversaria certamente inferiore e di assistere a un altro derby perso dalla Velikaya, non ce l’aspettavamo proprio. Avremmo piuttosto scommesso su una finale tra loro due, correttamente posizionate agli estremi opposti di un tabellone olimpico che si aspettava solo la più attesa delle finali.
Imperscrutabili sono le vie della scherma, che fa giri tortuosi per scrivere la sua storia, che non è necessariamente quella che noi poveri scribacchini siamo già convinti di dover raccontare.

E allora si aprono le questioni, i soliti discorsi, se Kharlan e Velikaya possano dirsi le più grandi di sempre della loro giovane specialità pur contando due titoli olimpici meno di Mariel Zagunis, uno in meno di Kim Ji-yeon, Yana Egorian, Sofia Pozdnyakova. Domanda leziosa, ad avviso di chi scrive, perché non c’è dubbio che la discussione non possa che tendere verso loro due.

Leggiamo, non senza apprensione, un post in cui la Kharlan si dice stanca, desiderosa di riposo, bisognosa di immaginare la sua vita senza una sciabola. Speriamo di interpretarlo male, perché l’ultima cosa che desideriamo e di vederla smettere così, a 30 anni, con l’orizzonte di un’altra Olimpiade tra tre. E ci piace immaginare che a Parigi, alle soglie dei 40 anni, ci possa essere anche la Velikaya, per un ultimo assalto, che magari sia un confronto diretto.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Kharlan Olga (@olgakharlan)

Ognuno si scelga pure la preferita, ma non provate a sostenere che ne è esistita, finora, una migliore. Sarebbe una visione miope, falsata dall’abbaglio dell’oro di Olimpia, senza il quale, per quanto strano, si può comunque essere leggenda.

Twitter: GabrieleLippi1

Pianeta Scherma sui socialInstagram, TelegramFacebook

Foto: Augusto Bizzi

Non solo Azzurri, l’altra Italia alle conquista delle pedane di Tokyo

Tanti degli atleti in gara a Tokyo sono in qualche modo connessi all’Italia pur non tirando per i colori azzurri. Fra radici, scelte tecniche e di cuore, ecco l’altra in pedana a Tokyo. Continue reading

VIDEO – Olga Kharlan analizza la finale mondiale di Budapest contro Sofya Velikaya

 

Cosa prova un’atleta prima, durante e dopo un match che vale una medaglia d’oro ai Mondiali? A spiegarcelo, in questo video editato dalla FIE, è una quattro volte campionessa del Mondo di sciabola femminile, Olga Kharlan, che torna indietro al luglio 2019 e alla finale contro Sofya Velikaya che le ha fruttato appunto il quarto sigillo iridato.

Le emozioni, le decisioni da prendere nei momenti clou dell’assalto, ma anche parole di stima e rispetto per un’avversaria di mille battaglie e assieme alla quale da vita a un entusiasmante duello  che, sommando il bottino delle due zarine, recita novanta podi in Coppa del Mondo, sei titoli Mondiali e molto altro ancora.

Pianeta Scherma sui socialInstagram, TelegramFacebook

Foto Bizzi

Olga Kharlan è la protagonista del primo episodio di “Fencing for glory”

 

È Olga Kharlan la protagonista della prima puntata della serie di documentari prodotti dalla FIE dal titolo Fencing for Glory. Il primo dei quattro appuntamenti, quindi, ruota attorno alla fuoriclasse della sciabola femminile, che in Giappone va a caccia di quella medaglia d’oro individuale che le manca per completare una collezione ricchissima, dove spiccano quattro titoli del Mondo individuali e un titolo Olimpico a squadre a Pechino ad appena diciotto anni.

Nel video, di una decina di minuti, pensieri, sogni e aspettative della campionessa ucraina, che da qualche tempo fa coppia con il nostro Gigi Samele e con lui vive a Bologna, dove si prepara per la sfida in Giappone. Per provare a mettere in bacheca l’unica medaglia che ancora manca al suo straordinario palmares, completato anche da più di cinquanta podi in Coppa del Mondo e quattro affermazioni nella classifica generale. L’ultima delle quali arrivata al termine di questa travagliata stagione e da poco ufficializzata dalla Federazione Internazionale.

Gli altri protagonisti della serie sono la nostra Alice Volpi, la spadista hongkonghese Kong Man Wai e lo spadista giapponese Minobe Kazuyasu. Di seguito il video integrale della puntata di Fencing for glory con protagonista Olga Kharlan.

Pianeta Scherma sui socialInstagram, TelegramFacebook

Foto Bizzi

Coppa del Mondo Senior 2019/2020: i vincitori delle classifiche individuali e squadre

Con il blocco delle competizioni, assegnate le Coppe del Mondo nelle singole speicialità con le classifiche bloccate a marzo. Alessio Foconi ancora una volta padrone nel fioretto maschile, nessun titolo a squadre per l’Italia. Continue reading