Pauline Ranvier idea un cortometraggio per mostrare i valori di eleganza e rispetto della scherma

 

Un atto d’amore per la scherma, ma anche uno spot per uno sport che promuove soprattutto valori come il rispetto, la tolleranza e l’integrazione: ferme le competizioni, Pauline Ranvier – vice campionessa del Mondo individuale a Budapest nel 2019 – si è calata nel ruolo di sceneggiatrice e ha ideato un breve cortometraggio che la vede protagonista in prima persona assieme alla compagna di squadra Anita Blaze.

Le due atlete duellano di fronte ai luoghi più iconici e famosi di una Parigi sempre affascinante malgrado le strade deserte causa emergenza  sanitaria. Ad un certo punto della “sfida”, la Blaze scivola e subito la Ranvier le tende la mano per aiutarla a rialzarsi. Una volta esaurito il duello le due atlete si allontanano ridendo e scherzando fra di loro.

Chiaro quindi l’intento dell’idea che sottende al video, peraltro uscito soltanto pochi giorni i discussi fatti del Parco dei Principi di Parigi durante la partita di Champions League fra PSG e Istanbul Basakshehir, i cui protagonisti si sono allontanati dal campo dopo le presunte frasi razziste proferite dal quarto uomo di quel match. Naturalmente nessun paragone con il calcio e nessuna pretesa di “superiorità” rispetto a esso, ma semplicemente il fatto che la scherma è uno sport che si basa sì sul confronto, ma anche e soprattutto su valori come lealtà, rispetto di regole e avversari, integrazione.

Pianeta Scherma sui socialInstagram, TelegramFacebook

Foto Augusto Bizzi

Morto a 94 anni Jean Cottard, storico Direttore Tecnico della scherma francese e Maestro di Christian D’Oriola

 

Si è spento nella notte a 94 anni il Maestro francese Jean Cottard. Storico Direttore Tecnico della Nazionale di scherma della Francia, Cottard è stato anche l’allenatore di due autentiche leggende della scherma d’Oltralpe: Christian D’Oriola (quattro volte campione Olimpico e considerato fra i più forti fiorettisti di tutti i tempi, unico a non perdere mai da Edoardo Mangiarotti) e Jean-Claude Magnan.

Sotto la sua gestione tecnica, iniziata nel 1956 e conclusasi nel 1972, le nazionali di scherma della Francia hanno vinto, fra Campionati Mondiali e Giochi Olimpici, 12 medaglie d’oro, 13 d’argento e 23 di bronzo. Fra queste, spicca l’oro a squadre del fioretto maschile vinta nel 1968 a Città del Messico. A comporre quella squadra, oltre a Magnan, anche Christian Noël, altro allievo di Jean Cottard.

Pianeta Scherma sui socialInstagram, TelegramFacebook

Cambio della guardia al vertice della scherma francese: Bruno Gares nuovo presidente FFE

 

Bruno Gares è il nuovo presidente della Federazione Francese di Scherma (FFE). Questo è il risultato decretato lo scorso venerdì dalle elezioni federali d’Oltralpe, che hanno sancito quindi un cambio della guardia al vertice della scherma transalpina. Niente terzo mandato di fila, quindi, per la presidentessa uscente, Isabelle Lamour.

Un’elezione a suo modo storica, quella di Bruno Gares, il quale diventa il primo Maestro di scherma ad arrivare ai vertici della FFE. Lo stesso Gares era stato consulente di Laura Flessel quando quest’ultima ha ricoperto l’incarico di Ministro dello Sport del governo francese.

Immediato il messaggio di congratulazione e auguri da parte del Presidente della Federazione Italiana Scherma Giorgio Scarso: “A Bruno Gares va il nostro augurio di buon lavoro ed il plauso per essere entrato nella storia della Federazione francese di scherma, scrivendo il nome del primo maestro di scherma nell’elenco dei Presidenti di una delle realtà schermistiche più prestigiose e più importanti dell’intero panorama internazionale“.

Twitter: agenna85

Pianeta Scherma sui socialInstagram, TelegramFacebook

Ysaora Thibus e gli scontri in manifestazione: «Spaventata e addolorata di fronte a queste scene»

La fiorettista francese ha raccontato tramite i social la sua partecipazione alla manifestazione di Los Angeles organizzata da Black Lives Matters. E mette l’accento sull’esistenza della problematica anche in Francia. Continue reading

Campionati Mondiali Budapest 2019 – I convocati della Francia

 

Sono 25 gli atleti in rappresentanza della Francia ai prossimi Campionati Mondiali di scherma di Budapest. La grande novità, rispetto agli ultimi Europei di Dusseldorf, riguarda l’inserimento nella lista di Daniel Jerent: lo spadista, che alla vigilia degli scorsi Mondiali cinesi era stato fermato per aver omesso tre volte di presentare la segnalazione della sua localizzazione all’agenzia antidoping francese, ovvero per non aver compilato per tre volte il così detto whereabout, tornerà in azione dopo aver scontato la sospensione di un anno voluta dall’Agenzia Francese per la Lotta al Doping.

Per lui ci sarà spazio nella prova a squadre, con la Francia che ritrova un elemento importantissimo in una fase cruciale della stagione con la qualifica a Tokyo da inseguire.

Fioretto femminile – Anita Blaze, Solene Butruille, Pauline Ranvier, Ysaora Thibus

Fioretto maschile – Enzo Lefort, Erwann Le Pechoux, Julien Mertine, Maxime Pauty

Sciabola femminile – Cecilia Berder, Manon Brunet, Charlotte Lembach, Caroline Queroli

Sciabola maschile – Vincent Anstett, Bolade Apithy, Maxence Lambert, Tom Seitz

Spada femminile – Marie Florence Candassamy, Josephine Jacques Andre Coquin, Auriane Mallo, Coraline Vitalis

Spada maschile – Alexandre Bardenet, Yannick Borel, Romain Cannone, Ronan Gustin, Daniel Jerent (solo prova a squadre)

Pianeta Scherma su Instagram

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia Bizzi

Europei Dusseldorf 2019 – I convocati della Francia

 

Sono 24 gli atleti in rappresentanza della Francia ai prossimi Campionati Europei di scherma di Dusseldorf, che scattano il 17 giugno nella città tedesca:

Fioretto femminile – Anita Blaze, Solene Butruille, Pauline Ranvier, Ysaora Thibus

Fioretto maschile – Enzo Lefort, Erwann Le Pechoux, Julien Mertine, Maxime Pauty

Sciabola femminile – Cecilia Berder, Manon Brunet, Charlotte Lembach, Caroline Queroli

Sciabola maschile – Vincent Anstett, Bolade Apithy, Maxence Lambert, Tom Seitz

Spada femminile – Marie Florence Candassamy, Josephine Jacques Andre Coquin, Auriane Mallo, Coraline Vitalis

Spada maschile – Alexandre Bardenet, Yannick Borel, Romain Cannone, Ronan Gustin

Pianeta Scherma su Instagram

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia Bizzi

 

Laura Flessel rassegna le dimissioni da Ministro dello sport francese

 

Laura Flessel non è più il Ministro dello Sport del governo guidato da Eduard Philippe. La due volte campionessa olimpica di spada femminile, infatti, ha rassegnato nella giornata di ieri, 4 settembre, le proprie dimissioni dall’incarico che rivestiva dallo scorso maggio.

Motivi personali alla base della decisione presa dalla Flessel che, nel comunicato tramite cui ha annunciato la propria volontà di rinunciare al Ministero spiega così le dimissioni: «È per ritornare agli impegni passati, rivolti giustamente alla solidarietà e alla cooperazione internazionale, che oggi (ieri, ndr) ho preso la decisione di proseguire il mio operato per altre vie».

Nuovo Ministro dello sport è un’altra gloria dello sport francese, ovvero la ex nuotatrice Roxana Maracineanu, campionessa del Mondo nel 1998 nei 200 dorso (diventando la prima nuotatrice francese a fregiarsi di tale titolo) e argento Olimpico due anni più tardi a Sidney nella medesima prova.

Pianeta Scherma su Twitter

Pianeta Scherma su Facebook

Fotografia AFP